Friday, 25 May 2018

Porno allemande escort girl à dijon

porno allemande escort girl à dijon

Riconoscendo che la situazione nella Giamahiria Araba Libica continua a rappresentare una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale,. Zona di interdizione al volo. Delibera di stabilire un divieto su tutti i voli nello spazio aereo della Giamahiria Araba Libica, allo scopo di contribuire a proteggere i civili;.

Delibera che il comma 11 della risoluzione venga sostituito dal comma seguente: Afferma la propria determinazione ad assicurare che i beni congelati in applicazione del comma 17 della risoluzione siano, in una fase successiva, messi a disposizione e a beneficio del popolo della Giamahiria Araba Libica non appena possibile;. Delibera che tutti gli Stati, inclusa la Giamahiria Araba Libica, adottino tutte le misure ritenute necessarie per assicurare che non venga avanzato alcun diritto dietro richiesta delle autorità libiche, o di qualsivoglia persona od organismo della Giamahiria Araba Libica, o di qualunque persona che avanzi diritti tramite o a beneficio di tale persona od organismo, in relazione a contratti o altre transazioni la cui prestazione sia stata influenzata in ragione delle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione , nella presente risoluzione, e in risoluzioni collegate;.

Decide di continuare ad occuparsi attivamente della questione. Ambasciatore libico in Ciad. Ha lasciato il Ciad per Sabha. Coinvolto direttamente nel reclutamento e coordinamento di mercenari per il regime. Governatore di Ghat Libia meridionale. Coinvolto direttamente nel reclutamento di mercenari. Direttore Organizzazione Sicurezza Esterna. Generale di Divisione Data di Nascita: Segretario generale per le Utility.

Figlio di Muammar Gheddafi. Vicinanza di associazione con il regime. Comandante delle Forze Speciali. Comando di unità militari coinvolte nella repressione delle manifestazioni.

Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e della sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime. Autorità per gli Investimenti Libici.

Libyan Arab Foreign Investment. Borgaida Street, Tripoli, Libia, Portafoglio di Investimenti Libia Africa. Bashir Saadwi Street, Tripoli,. Consiglio dei Ministri n. La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica: Il Presidente Berlusconi ha riferito al Consiglio che ogni decisione viene adottata in accordo con il Presidente della Repubblica e che il Parlamento sarà costantemente informato ai fini delle decisioni che intenderà adottare. La determinazione del Governo, partecipata al Presidente della Repubblica ed adottata con il consenso del Consiglio, verrà immediatamente comunicata alle Camere.

Successivamente, il Ministro Tremonti ha svolto una relazione sulla normativa francese a tutela delle imprese strategiche, in vista di un prossimo provvedimento del Governo. La seduta ha avuto termine alle ore 14, La seduta ha avuto termine alle ore 12, The situation in Libya. Following the outbreak of violence in Libya at the end of February, NATO has been supporting international efforts to monitor the situation and bring an end to the hostility. NATO is now completing its planning in order to be ready to take appropriate action in support of Resolution Allies stand behind the legitimate aspirations of the Libyan people for freedom, democracy and human rights.

NATO military authorities were also tasked with developing detailed plans to provide humanitarian assistance. Bureau of European and Eurasian Affairs. At the invitation of President of the French Republic, M. At the end of the summit, the following declaration was adopted: Since 15 February this year, the Libyan people have been peacefully expressing the rejection of their leaders and their aspiration for change.

In the face of these legitimate requests coming from all over the country, the Libyan regime has carried out a growing brutal crackdown, using weapons of war against his own people and perpetrating against them grave and massive violations of humanitarian law. This situation is intolerable. We express our satisfaction after the adoption of UNSC which, inter alia, demands an immediate and complete ceasefire, authorises the taking of all necessary measures to protect civilians against attacks and establishes a no-fly zone over Libya.

While contributing in differentiated way to the implementation of UNSCR , we are determined to act collectively and resolutely to give full effect to these decisions. Muammar Gaddafi and those executing his orders must immediately end the acts of violence carried out against civilians, to withdraw from all areas they have entered by force, return to their compounds, and allow full humanitarian access. We are determined to take all necessary action, including military, consistent with UNSCR , to ensure compliance with all its requirements.

We assure the Libyan people of our determination to be at their side to help them realise their aspirations and build their future and institutions within a democratic framework. We recall that UN Security Council resolution does not allow for any occupation of, or attempt to occupy the Libyan territory. We pay tribute to the courageous action of the Libyan National Transition Council NTC and all the Libyans in positions of responsibility who have courageously disassociated themselves from the Libyan regime and given the NTC their support.

Our commitment is for the long term: The Arab League on Saturday called on the United Nations Security Council to enforce a "no-fly zone" over Libyan airspace, marking a decisive diplomatic victory for rebel forces opposed to Moammar Gadhafi, the Libyan ruler.

The announcement will bolster calls by some European leaders to intervene in the violent confrontation between rebels and Col. The air superiority of forces loyal to Col.

Gadhafi has helped tip the balance of power against the antigovernment uprising based in the eastern part of the country. On Saturday, government forces tightened their grip on the coastal road linking government-held territory to the rebel-controlled east, the Associated Press reported.

Gadhafi's forces all but routed rebels in the coastal oil-refining city of Ras Lanuf earlier this week and completed their assault on Zawiya, a rebel stronghold west of Tripoli, Libya's capital. Deliberations will now go to the U. Security Council, where permanent members China and Russia are thought to oppose the proposed no-fly zone. Abdel Hafeez Goga, the deputy head of the Benghazi-based provisional rebel government, the Transitional National Council, praised the Arab League decision.

A no-fly zone would ground Libya's air forces, but the practical considerations around the proposal remain unclear. One proposal would enjoin forces from the North Atlantic Treaty Organization to gun down any airplanes flying over Libyan airspace. President Barack Obama has hesitated on whether to take military action in Libya, even as Britain and France have pushed for intervention.

The Arab League's move appeared to have been led by Gulf Arab nations, which announced their support for a U. Gadhafi's government was illegitimate and that the oil-rich Gulf monarchies would "initiate contacts" with Libyan rebels instead.

The Arab League suspended Libya's membership on Feb. Catherine Ashton, the EU's high representative for foreign affairs and security policy, said she would travel to Cairo on Sunday to meet with the Arab League's outgoing secretary-general, Amr Moussa, to arrive at a "collaborative approach" for dealing with the North African country. Meanwhile, Rashid Khalikov, the U. In a statement issued Friday, the EU said Col. Gadhafi's regime had "lost all legitimacy and is no longer an interlocutor for the EU.

In place of Col. Gadhafi's regime, the EU said it "welcomes and encourages" the Transitional National Council as Libya's "political interlocutor," according to the statement released Friday. The National Council is a union of rebel leaders who oppose Col.

Gadhafi's son, Seif al-Islam, said in a speech in Tripoli on Thursday that the regime didn't care about Arab states or the Arab League.

The Arab League said it will also initiate "cooperation and communication" with the Transitional National Council "against the crimes committed by the Libyan authorities," according to a statement released by the League following its Saturday meeting. The statement stopped short of recognizing the rebels as the sole legitimate government of the Libyan people. Goga of the Transitional National Council also leveled accusations against Arab League member state Syria, alleging Damascus "conspired against the Libyan people" by sending Col.

Gadhafi a ship filled with weapons. He also said Syrian pilots had been among those piloting planes shot down by rebel fighters, but said he couldn't say for sure whether the pilots had been sent by the Syrian government or were acting on their own as mercenaries. But the rebel leadership also appeared increasingly disconnected from developments on the battlefield. Gadhafi's forces had taken control of Ras Lanuf, even as government officials took journalists on a tour of the battle-scarred oil city a day after rebel columns fled the city's outskirts amid heavy bombardment by fighter jets and artillery.

Goga pledged rebel fighters would retake lost ground easily once the international community imposes a no-fly zone. He also said the rebels expected to receive new shipments of weapons but said he could provide no further details on where they were coming from. We are in the process of negotiating weapons deals and on the verge of getting new weapons. Meanwhile, an al-Jazeera cameraman was killed Saturday in what the station described as an "armed ambush" on an al-Jazeera crew on the outskirts of Benghazi, the station said.

A correspondent for the station was also wounded in the attack. Gadhafi's propaganda has singled out al-Jazeera with frequent scathing attacks on its coverage of Libya. Thousands of residents rallied outside the courthouse in central Benghazi on Saturday night to voice their support for the station after the attack. They hoisted flags for Qatar, the country where Al Jazeera is based. The attack comes amid growing jitters in eastern Libya over recent advances by government forces on the front lines, about miles west of Benghazi.

Government forces have reportedly started toward Brega, another oil-refinery town along the coastal road east of Ras Lanuf. Unconfirmed rumors have swirled in recent days that pro-Gadhafi agents have infiltrated Benghazi in growing numbers.

Rebel forces, composed mostly of untrained and lightly armed volunteers, appear to be rapidly unraveling in the face of the government offensive, which has included heavy bombardments by air strikes, artillery shells and surface-to-surface rockets. Omar Hariri, who was tapped by the the Transitional National Council to oversee military affairs for the rebels, said the rebel fighting force was still in tact and able to fight.

Hariri told a news conference. He said the rebel fighters were prepared to stop the government's advance outside of Brega and were capable of defending Benghazi.

Arab League condemns broad Western bombing campaign in Libya. Although the eccentric Gaddafi is widely looked down upon in the Arab world, the leaders and people of the Middle East traditionally have risen up in emotional protest at the first sign of Western intervention. A shift away from the Arab League endorsement, even partial, would constitute a major setback to the U.

Western leaders brandished the Arab League decision as a justification for their decision to move militarily and as a weapon in the debate to obtain a U. Security Council resolution two days before the bombing began.

Russia and China, which abstained from the voting on the U. Security Council resolution authorizing military intervention, also expressed regret that Western powers had chosen to get involved despite their advice. In the Middle East, the abiding power of popular distrust of Western intervention was evident despite the March 12 Arab League decision.

It was not clear how many Arab governments shared the hesitations voiced by Moussa, who has said that he plans to run for president in Egypt this year. But despite Western efforts to enlist Arab military forces, only the Western-oriented Persian Gulf emirate of Qatar has announced that it would participate in the campaign.

They were busy with a referendum Saturday on constitutional amendments designed to usher democracy into the country. Similarly, the provisional military-run government took no stand, and most Cairo newspapers gave only secondary space to the Libya conflict. When the Arab League approved imposition of a no-fly zone, only Syria and Algeria opposed the decision, according to Egyptian officials.

This was probably due in part to the difficulty for the al-Qaeda leadership to communicate without revealing its position. Iran and its Shiite Muslim allies in the Lebanese organization Hezbollah, reflexively opposed to Western influence in the Middle East, also were forced into a somewhat equivocal position, condemning Gaddafi for his bloody tactics but opposing the Western military intervention. It brings us back to the days of occupation, colonization and partition.

At the same time, Nasrallah accused Gaddafi of using the same brutal tactics against his opponents as Israel has against Hezbollah in Lebanon and Hamas in the Gaza Strip. Ban praised the Arab League for its continued support, saying it was critical for the international community to remain united. Media reports have indicated that some Arab League members have been reconsidering their backing since coalition aircraft began bombing Libyan military targets.

Talks are under way for an emergency meeting of Arab League nations to discuss the situation in Libya, the Egyptian government-owned Middle East News Agency reported yesterday, citing Moussa as saying. Moussa said his remarks were misinterpreted. Ban also condemned violence in Yemen after press reports that 20 people were killed when the army clashed with Houthi rebels.

He also warned about spreading unrest in Bahrain. The secretary general was forced to drop plans to walk through Tahrir Square -- the scene of massive demonstrations last month that toppled President Hosni Mubarak -- before flying to Tunis. To contact the reporters on this story: Flavia Krause-Jackson in Rome at fjackson bloomberg. To contact the editor responsible for this story: James Hertling at jhertling bloomberg. Barden at barden bloomberg.

Over three weeks ago, the people of Libya took to the streets in protest against Colonel Gaddafi and his regime, asking for new rights and freedoms. There were hopeful signs that a better future awaited them, and that, like people elsewhere in the middle east and north Africa, they were taking their destiny into their own hands. Far from meeting those aspirations, Colonel Gaddafi has responded by attacking his own people.

He has brought the full might of armed forces to bear on them, backed up by mercenaries. The world has watched as he has brutally crushed his own people. On 23 February, the UN Secretary-General cited the reported nature and scale of attacks on civilians as.

The Secretary-General said later that more than 1, people had been killed and many more injured in Libya amid credible and consistent reports of arrests, detention and torture. Over the weekend of 26 and 27 February, at Britain's instigation, the UN Security Council agreed resolution , which condemned Gaddafi's actions. It imposed a travel ban and asset freezes on those at the top of his regime.

It demanded an end to the violence, access for international human rights monitors and the lifting of restrictions on the media. Vitally, it referred the situation in Libya to the International Criminal Court so that its leaders should face the justice they deserve. In my statement to the House on 28 February, I set out the steps that we would take to implement those measures. Our consistent approach has been to isolate the Gaddafi regime, deprive it of money, shrink its power and ensure that anyone responsible for abuses in Libya will be held to account.

I also told the House that I believed contingency planning should be done for different scenarios, including involving military assets, and that that should include plans for a no-fly zone.

Intervening in another country's affairs should not be undertaken save in quite exceptional circumstances. That is why we have always been clear that preparing for eventualities that might include the use of force-including a no-fly zone or other measures to stop humanitarian catastrophe-would require three steps and three tests to be met: First, on demonstrable need, Gaddafi's regime has ignored the demand of UN Security Council resolution that it stop the violence against the Libyan people.

His forces have attacked peaceful protesters, and are now preparing for a violent assault on a city, Benghazi, of 1 million people that has a history dating back 2, years. They have begun air strikes in anticipation of what we expect to be a brutal attack using air, land and sea forces. Gaddafi has publicly promised that every home will be searched and that there will be no mercy and no pity shown. If we want any sense of what that might mean we have only to look at what happened in Zawiyah, where tanks and heavy weaponry were used to smash through a heavily populated town with heavy loss of life.

We do not have to guess what happens when he has subdued a population. Human Rights Watch has catalogued the appalling human rights abuses that are being committed in Tripoli.

Now, the people of eastern Libya are faced with the same treatment. That is the demonstrable need. Secondly, on regional support, we said that there must be a clear wish from the people of Libya and the wider region for international action. It was the people of Libya, through their transitional national council, who were the first to call for protection from air attack through a no-fly zone.

More recently, the Arab League has made the same demand. It has been remarkable how Arab leaders have come forward and condemned the actions of Gaddafi's Government. A number of Arab nations have made it clear that they are willing to participate in enforcing the resolution. That support goes far beyond the Arab world. The third and essential condition was that there should be a clear legal base. That is why along with France, Lebanon and the United States we worked hard to draft appropriate language that could command the support of the international community.

Last night, the United Nations Security Council agreed that resolution. It authorises member states to take. Crucially, in paragraph 4, it. The resolution both authorises and sets the limits of our action. Specifically, it excludes an occupation force of any form, on any part of Libyan territory.

That was a clear agreement between all the sponsors of the resolution, including the UK, and of course, the Arab League. I absolutely believe that that is the right thing both to say and to do. As our ambassador to the United Nations said, the central purpose of this resolution is to end the violence, protect civilians, and allow the people of Libya to determine their own future, free from the brutality unleashed by the Gaddafi regime.

The Libyan population want the same rights and freedoms that people across the middle east and north Africa are demanding, and that are enshrined in the values of the United Nations 18 Mar Resolution puts the weight of the Security Council squarely behind the Libyan people in defence of those values.

Our aims are entirely encapsulated by that resolution. Demonstrable need, regional support and a clear legal base: Now that the UN Security Council has reached its decision, there is a responsibility on its members to respond. That is what Britain, with others, will now do.

The Attorney-General has been consulted and the Government are satisfied that there is a clear and unequivocal legal basis for the deployment of UK forces and military assets.

He advised Cabinet this morning, and his advice was read and discussed. The Security Council has adopted resolution as a measure to maintain or restore international peace and security under chapter VII of the United Nations charter. The resolution specifically authorises notifying member states to use all necessary measures to enforce a no-fly zone and to protect civilians and civilian populated areas, including Benghazi.

At Cabinet this morning, we agreed that the UK will play its part. Our forces will join an international operation to enforce the resolution if Gaddafi fails to comply with the demand that he end attacks on civilians. The Defence Secretary and I have now instructed the Chief of the Defence Staff to work urgently with our allies to put in place the appropriate military measures to enforce the resolution, including a no-fly zone.

I can tell the House that Britain will deploy Tornadoes and Typhoons as well as air-to-air refuelling and surveillance aircraft. Preparations to deploy those aircraft have already started and in the coming hours they will move to air bases from where they can start to take the necessary action. The Government will table a substantive motion for debate next week, but I am sure that the House will accept that the situation requires us to move forward on the basis of the Security Council resolution immediately.

I am sure that Members on both sides of the House call on Colonel Gaddafi to respond immediately to the will of the international community and cease the violence against his own people. I spoke to President Obama last night and to President Sarkozy this morning.

There will be a clear statement later today, setting out what we now expect from Colonel Gaddafi. We should never prepare to deploy British forces lightly or without careful thought. In this case, I believe that we have given extremely careful thought to the situation in hand. It is absolutely right that we played a leading role on the UN Security Council to secure permission for the action, and that we now work with allies to ensure that that resolution is brought about.

There will be many people in our country who will now want questions answered about what we are doing and how we will go about it. I intend to answer all those questions in the hours and days ahead, and to work with our brave armed services to ensure that we do the right thing, for the people of Libya, for the people of our country and for the world as a whole. Edward Miliband Doncaster North Lab: I thank the Prime Minister for his statement. From this side of the House, we welcome last night's UN Security Council resolution and support Britain playing its full part in the international action that is planned.

The international community has shown clear resolve, and I applaud all the efforts that made this happen, including those of the Prime Minister and the British Government. As I have said since his statement two-and-a-half weeks ago, we support feasible and practical action to help the Libyan people, so, as befits the official Opposition, we will both support the Government and ask the necessary questions that we think the country will want asked.

It is important that the British people are clear about the purposes of the resolution and the basis for the commitment of British forces.

Any decision to commit British armed forces is a grave and serious one, and it must be based on a clear and compelling case. In this case, it is based, as the Prime Minister said, on the clear evidence of Colonel Gaddafi brutalising his own people in response to the demand for democratic change. It is action backed in the region most importantly by the clear resolution of the Arab League, and it is backed now by a legal mandate from the United Nations.

So, the military action that is being embarked upon has broad support, a legal base and recognises our responsibility to protect the Libyan people. Those are necessary pre-conditions for legitimate and effective action, and it would be quite wrong, given what is happening in Libya, for us to stand by and do nothing. I want to ask some questions about the objectives of the mission, the military implications of it and the humanitarian context.

First, we need to be clear about the purpose of the mission. All of us will welcome the passage of last night's resolution to avoid the immediate slaughter of people in Benghazi. The whole world is aware of the urgency of the situation, given the avowed intentions of Colonel Gaddafi.

Can the Prime Minister reassure us that military action can be taken on a time scale that can make a real difference to the people in Benghazi? Beyond that, should, as we hope, the effect of last night's resolution be to stop the advance of the regime, the future of Libya remains uncertain. Will the Prime Minister therefore explain the Government's broader strategy for Libya's future, should we succeed in stopping Colonel Gaddafi's advance, given that last night's resolution is directed towards a specific aim of the protection of the Libyan people, rather than explicitly towards regime change?

In this House there is agreement that Libya's future would be far better served without Colonel Gaddafi in power. Does the Prime Minister therefore agree that a range of other measures should continue to be brought to bear on the Libyan regime to support the efforts of the Libyan people in order to undermine the support for Colonel Gaddafi?

We should be working now to sharpen the choice facing the Libyan military, including through action from the International Criminal Court, and to increase the pressure on other members of the regime. We should also be making explicit the risks for countries allowing their citizens to serve as mercenaries, and I believe the UN resolution does recognise that point.

We should also continue to make clear to the Libyan people the offer of a better life that lies beyond Colonel Gaddafi. May I urge the Prime Minister to ensure that discussions take place at the earliest stage with the Arab League, the European Union and others on a continuing basis for contingency planning for a stable and viable state beyond Colonel Gaddafi? May I also, in the broader context of the region, emphasise to the Prime Minister that we should continue to show the utmost vigilance about developments elsewhere, including in Bahrain, and that we should make clear the need for reform and restraint, not repression, throughout the region?

Secondly, let me ask about the military action itself. Will the Prime Minister reassure us that all steps are being taken to ensure that those participating in any military action reflect the broad base of support, including from the Arab League? Does he agree that a continuing diplomatic effort will be required to ensure that that happens?

Further, under the contingencies that have been prepared and subject to the operational limits on what the Prime Minister can say, how does he envisage the military chain of command operating? Thirdly, let me ask about the humanitarian situation in Libya. Will the Prime Minister take this opportunity to update the House on the continuing situation of British nationals in the light of the clearly changed circumstances that we now face?

We will have all noted with concern the decision of the Red Cross, prior to the resolution, to withdraw from Benghazi. Will the Prime Minister assure the House that efforts will be made to ensure continuing humanitarian access to Benghazi? What plans are being made to facilitate the return of humanitarian assistance? Finally, let me say to the Prime Minister that, at this time, Labour Members will give our full support to our armed forces.

Once again, they are engaging in dangerous and courageous action on behalf of our country, and we salute their professionalism and bravery. They are serving to uphold the will of the international community, including the United Nations, and in their service I believe they will have the support of the whole House. I thank the right hon. Gentleman for his support and for the way in which he put that support in his questions. Let me try to answer all the questions he put.

In terms of the time scale and potential military action, the issue is this: But, if that does not happen, then, yes, consequences and "all necessary measures", as the Security Council resolution puts it, will follow; and we are able to do that on a time scale that I believe will be effective. In terms of our broader strategy, what we believe we need in Libya is a transition towards a more open society and towards a better democracy, but we have to be clear about our aims.

The UN Security Council resolution is absolutely clear that this is about saving lives and about protecting people. It is not about choosing the Government of Libya; that is an issue for the Libyan people.

Mercenaries are included in the UN Security Council resolution, which is welcome. Gentleman's point about the International Criminal Court was covered by the earlier resolution, which of course is still in force.

In terms of consultations with the Arab League and with Arab countries, there will be a meeting in Paris tomorrow, which President Sarkozy has called. I will attend, and there will also be representatives from across the Arab world to bring together the coalition to help to achieve the goals that the UN Security Council has so rightly voted for.

Gentleman says that we must be vigilant elsewhere with all the challenging problems in our world today, and he mentioned Bahrain. That is absolutely right, and the Government are keeping their travel advice and their work helping British nationals in Bahrain, Yemen and elsewhere permanently under review, meeting regularly to try to make sure that we do everything we can to help people as necessary. In terms of Arab League participation, what we seek is the active participation of some Arab League countries.

I believe that we will get that, and from the calls that I have made I have had some reassurances. In terms of the military chain of command, to be clear, to begin with this is going to be a joint operation, if necessary, carried out by Britain, America and France, with Arab and other participation, and it will be co-ordinated in that way.

In terms of British nationals, as we have announced before in the House, almost all those who want to leave have left. There are some who remain. We have our relationship with the Turkish embassy, which is working with us and for us in Tripoli, and we also have an active consular figure in Benghazi. But obviously, part of the aim of what we are trying to do-to stop Gaddafi entering Benghazi-will be in the interest of those British nationals in Benghazi.

Gentleman asked about humanitarian aid. Clearly, a very big aim of the UN Security Council is to make sure humanitarian aid can get through. Above all, as the right hon. Gentleman said, any decision to put the men and women of our armed forces into harm's way should be taken only when absolutely necessary, but I believe, as he said, that we cannot stand back and let a dictator whose people have rejected him kill his people indiscriminately.

To do so would send a chilling signal to others. I believe also that we should be clear about where our interests lie. In this country, in particular, we know what Colonel Gaddafi is capable of, and we should not forget his support for the biggest terrorist atrocity on British soil.

We simply cannot have a situation where a failed pariah state festers on Europe's southern border, and that is why we are backing today our words with action. Sir Malcolm Rifkind Kensington Con: May I congratulate the Prime Minister on the superb leadership that he and the Foreign Secretary have given both at home and at the United Nations in securing this resolution, without which the people of Benghazi and of Libya would face a humanitarian disaster?

Will the Prime Minister confirm that the UN resolution, which, as he has indicated, refers to. I thank my right hon. It is vital that we have now got this UN Security Council resolution, and that we make very clear the ultimatum to Colonel Gaddafi so that we secure that ceasefire and stop his operations.

Paragraph 4 refers, crucially, to "all necessary measures" to protect people-"to protect civilians"-and, indeed, specifically mentions Benghazi. The Attorney-General's advice, which we may discuss in more detail later, makes it very clear that that means we can take measures that will help those things to be achieved.

It is very important for us to understand that. I congratulate the Prime Minister and those in the Foreign Office, including our excellent diplomats at the United Nations, on the work that they have done in securing the chapter VII resolution.

The French Government should also be given a great deal of credit, because they too have worked very hard on this. Will the Prime Minister clarify the role of the African Union, which is referred to in the resolution, as well as that of the Arab League? Given that three African states, including South Africa, voted for the resolution, is there any possibility of the African Union using its good offices to try to find a way of getting Gaddafi out of power without the conflict going on for a very long time?

Gentleman makes an extremely good point about the leadership role taken by Nicolas Sarkozy and the French. I absolutely pay tribute to our ambassador, Mark Lyall Grant, and his team, who did a superb job in marshalling support. Members in all parts of the House will see, when they read the resolution, that it is very, very strong and extremely comprehensive, and I hope that it marks a new start in what the UN will be able to achieve.

We very much hope that the African Union will use its good offices in the way that the hon. African Union missions are still going to Libya, and we think that they will be enormously influential. I was particularly pleased that the three African members voted for the resolution, and I hope that that is a sign of things to come. Richard Ottaway Croydon South Con: As one of the doubting Thomases of the past few weeks, I congratulate the Prime Minister on his success and leadership and offer him my full support.

I also join him in paying tribute to Sir Mark Lyall Grant and his team at the UN for what is a remarkable diplomatic success, which hopefully will mark a turning point in the development of these issues at the UN.

I am sure the Prime Minister agrees that difficult questions remain. At this moment, however, it is incumbent on all of us to stand behind the armed forces, particularly our airmen, who have to implement the resolution.

Friend is entirely right. Of course there are difficult questions. We are embarked on a difficult course, not least because we have set a limit on that course and have said, quite rightly, that this is not about an army of occupation. I think it important for us all to understand that that is a correct limit, and a limit that people across the Arab world want to hear.

I very much echo what my hon. Friend said about Mark Lyall Grant, but above all our thoughts-the thoughts of everyone in the House and, I am sure, everyone in our country-will be with those armed forces and their families who will be preparing, potentially, for difficult days ahead. The Government and the armed forces have our full support in this matter. The Prime Minister mentioned three criteria for determining the appropriateness of intervention, but surely there is another factor: In the light of developments in the middle east in recent weeks, will the Prime Minister and his colleagues have another look at the strategic defence and security review to establish whether our country will continue to have those assets in future?

Of course I look very carefully at every decision that we make in defence, and I see it as a personal priority for me as Prime Minister. I would say to colleagues, however, that even at the end of this defence review and the end of this Parliament, we will have the fourth largest defence budget anywhere in the world. We have superbly equipped armed forces, and many of the decisions that we made in the defence review were intended to ensure that they had flexibility: I should also point out that the Typhoons that we are considering using are not in any way involved in Afghanistan.

I have been given assurances by the Chief of the Defence Staff that our planning for what may be necessary in Libya does not affect the efforts that we are making in Afghanistan with our allies to bring greater security to that country. Yet again, my right hon. Friend has shown a breathtaking degree of courage and leadership. I support what he has said and what he has done. Does he agree that, while regime change is not the aim of these resolutions, in practice there is little realistic chance of achieving their aims without regime change?

Friend puts it extremely well. The aim is clear: It is the protection of lives and the protection of people. It is the prevention of a bloodbath in Benghazi.

It is to make sure that arms do not get to Libya, that assets are frozen and that travel bans are imposed. It is all those things. Those are the aims, and they are what we must now pursue.

Of course, like many other leaders the world over, we have all said that Gaddafi needs to go in order for Libya to have a peaceful, successful and democratic future, and that remains the case.

It is almost impossible to envisage a future for Libya that includes him. But we should be very clear, in the international alliance that we are building, that the statements in the UN Security Council resolution are our aims. Those are the things that, on behalf of the rest of the world, we are helping, with others, to deliver. Jeremy Corbyn Islington North Lab: Abuses of human rights and the oppression of civilians are not unique to Libya.

They may differ in degree, but they are not unique. Is the Prime Minister now suggesting that we should develop a foreign policy that would be prepared to countenance intervention in other countries where there are attacks on civilians, such as Saudi Arabia, Yemen, Oman or Bahrain?

I hope that he has thought this whole thing through, because we may well be involved in a civil war in Libya for some time to come. I sometimes want to meet that argument with the answer that the fact that you cannot do the right thing everywhere does not mean that you should not do the right thing somewhere. A more detailed answer, however, is that what is happening in Libya is different.

The situation is that of a people rising up against their leaders and wanting a more democratic future, and then us watching as, potentially, those people are destroyed by that dictator. As I have said, I think that what we see coming together here is Britain acting with others in favour of international law and international governance and the UN and all that is right and fair and decent in our world, yet, at the same time, I believe, very much acting in our national interest, because it is not in our national interest for this man to lead a pariah state on the southern banks of Europe with all the problems that that could entail.

So I hope that, not just across the world but across this country, we shall be able to build the broadest coalition for support for the action we are taking, encompassing all those who care about the UN and international law and what is good and right in our world, but who also recognise that a hard-headed assessment of British national interest means that we should not stand aside from this. I welcome the Prime Minister's statement and last night's United Nations resolution.

I think it is absolutely right for the international community to take urgent action to protect civilians in Libya. Will the Prime Minister please assure me that our intelligence assets in the region are doing all that they can to monitor the activities of, and communication between, senior regime leaders and commanders, with a view to ensuring that we can prosecute them to the fullest extent of international law?

Gentleman knows-we never comment on security and intelligence matters in the House. However, his point about the International Criminal Court and the need to be clear about the fact that, as I have said, international law 18 Mar Column should have a long arm, a long reach and a long memory and that we should gather evidence for that, is absolutely right.

Given the unpredictability of the outcomes in Libya and the middle east, and given that all actions have consequences, how can the Prime Minister be so sure that, as a consequence of what we are doing, a complex and dangerous situation will not simply be made worse? Lady asks a very important question. It seems to me that we have to look at the consequences of doing nothing-the slaughter that could ensue, the oppression of these people we see so clearly on our television screens-and then ask what are the consequences of action.

What is so convincing in this case is that the Arab League countries and Arab populations are, I believe, willing the international community on. I think that the opinion on the Arab street is very much that it is good that the international community is coming together and showing that it cares about our democracy and not just your security.

I think that we can win that argument, but we will have to go on making it with Arab leaders and Arab populations, and making sure that we communicate with them very strongly why we are doing this and why it is the right thing. Nicholas Soames Mid Sussex Con: I join others in congratulating the Prime Minister, the Foreign Secretary and all the others who have been involved in securing this very tough resolution, and indeed the building of a broad-based coalition to deal with Gaddafi.

Does the Prime Minister agree, however, that in the weeks to come it will be important for the country to know that at the same time as trying to deal with Gaddafi, the Government are also intent on forging ahead, with our European partners, in keeping the middle east peace process revitalised and going, so that we can draw the poison from the well? Friend makes an extremely good point. A Palestinian leader once said to me, "If you really want to secure the long-term defeat of al-Qaeda, there must be a combination of more democracy and freedom across north Africa and the middle east and a solution to the Israel-Palestine problem.

As someone who has argued all along that any military action should be based on a resolution of the United Nations Security Council, I accept that the situation today is different than it was yesterday and previously. Nevertheless, despite all that the Prime Minister has said about reservations, no ground troops and so forth, does he recognise that in the country at large there is bound to be great anxiety that we could be dragged, through escalation, into a third war in nine years?

Therefore, will the Prime Minister make sure that there are daily-or at least very regular-reports to the House of Commons, so we avoid a third war? Gentleman puts the point extremely well. I agree that there should be regular statements updating the House.

We should start with a 18 Mar Column debate on Monday on a substantive motion, so that Members can debate that, and propose amendments if they want. We will be putting down that substantive motion later today, so that colleagues can have a look at it. On taking the country with us, the hon. Gentleman's point about legality is vital. We have a legal basis here-the UN, the world's governing body, coming together and making that clear-and we need to explain that what we are doing is legal, proportionate and right.

But I also believe that, as I said a moment ago, to take people with us we have to make the arguments both that it is wrong to stand aside as this dictator massacres his own people and it is in our interests to act, and also that it is in our national interest, because we do not want this pariah state on our borders.

The point the hon. Gentleman makes about no ground troops and no occupying force is vital. That is in the UN Security Council resolution; it is the reassurance that we can give to people that that is not part of our aims-it is not want the UN wants, it is not what the Arab League wants, it is not what Britain wants. That is clearly a limitation on our ability to act, but it is absolutely right, and I think people will be reassured by it.

Mr Christopher Chope Christchurch Con: May I also commend my right hon. Friend on his decisive leadership? Why does he think Germany abstained on this resolution, and is Germany going to be interfering in preventing us from recognising the regime in Benghazi?

I thank my hon. Friend very much for his support. On the German attitude, to be fair to the German Chancellor, whom I spoke to last night, she has been consistently sceptical about this issue. I do not believe that Germany will in any way be destructive within NATO, because it recognises that the UN has voted for this resolution, on which the Germans, of course, abstained.

It is for them to explain their scepticism. Of course arguments can always be made about, "If we are acting here, why not elsewhere? Joan Ruddock Lewisham, Deptford Lab: I hope the Prime Minister will join me in also congratulating President Obama, who by his cautious deliberations has allowed the Arab states to come to the fore, and, unlike his predecessor, has shown proper respect for the United Nations, thus giving a major boost to the rule of international law.

Lady makes an extremely good point and is absolutely right. I had a very good conversation with President Obama last night, and I think he has shown great leadership on the UN and what is proposed in the new resolution, and on being able to bring together its various elements.

Lady is right that allowing the Arab League the space and time to come forward and make its own views clear has helped to create a sense of consensus at the UN, where we have the ability to act. But the clock is now ticking, and we now need a sense of urgency, 18 Mar Column because we do not want to see a bloodbath in Benghazi, and further repression and taking of innocent civilian life in Libya.

I join my right hon. Friends in congratulating my right hon. Friend the Prime Minister on his brilliant success at the United Nations, which is a vindication of the credibility of British foreign policy.

Can he say more about the strategic objective, which, as Lord Dannatt and others have clearly stated, must be extremely clear? Friend is committed to regime change, but are our allies, and in particular President Obama, committed to regime change? The answer I give my hon. Friend is that almost every leader in the free world has said Gaddafi needs to go-that his regime is illegitimate and there is no future for Libya with him in charge-but we must be clear about the aim of what we are now involved in.

The aim is to put in place the UN Security Council resolution, which is about protecting people's lives and about the steps we are prepared to take to isolate the regime and give that country the chance of a better future.

We must restrict ourselves to that aim in meeting this UN Security Council resolution. Obviously, we have a desire, which I and others have expressed, that Gaddafi has no future, but our aim here must be clear, and that is how we must drive this alliance forward. Now that the UN has reasserted its authority with this resolution, it is important that Gaddafi is in no doubt that there is an overwhelming military force to carry it out. In that light, how many countries does the Prime Minister wish to provide military assets, and how many of them come from the Arab League?

Gentleman makes a good point. Obviously, we want the widest alliance possible. I do not think it would be right for me to name at the Dispatch Box those countries that are considering participation, but there is a wide number. Clearly, at the heart of this are the Americans, the French and the British, but other European countries are coming forward, and there are also some in the Arab League, including a number I have spoken to, who have talked about active participation-about playing a part in this.

One of the purposes of the meeting tomorrow in Paris will be to bring together the widest possible coalition of those who want to support it, and I believe, particularly as this has such strong UN backing, that it will be a very wide coalition indeed. Bob Stewart Beckenham Con: Speaking as someone who has watched well-armed Bosnian Serb units smash through civilian populations, may I ask my right hon.

Friend the Prime Minister whether Security Council resolution allows us, under its provision on "all necessary measures", to avoid the arms embargo and directly arm the people who are fighting against Gaddafi in Benghazi and elsewhere?

The first point I would make to my hon. Friend is how welcome it was that Bosnia was sitting on the Security Council and able to vote in favour of this resolution-for good historical reasons. Column The resolution helps to enforce the arms embargo, and our legal understanding is that that arms embargo applies to the whole of Libya. Paragraph 4 authorises member states. That is very strong language, which allows states to take a number of military steps to protect people and harm those who are intending to damage civilians.

It could not be clearer, and the legal advice is clear. Let me make this point as well: Mr David Lammy Tottenham Lab: Given that the Gaddafi forces are advancing, what assessment has the Prime Minister made of civilian casualties and what discussions has he had on any post-conflict reconstruction, learning the lessons of Iraq? Gentleman makes an extremely good point. It is clear that there have been widespread civilian casualties, and I quoted some figures in my statement.

It is also clear that if Gaddafi goes into Benghazi the situation could get radically worse, which is why, as I have said, the clock is ticking-the time for action is now. In terms of reconstruction and humanitarian aid, my right hon. Friend the International Development Secretary will be leading a cross-government group to make sure we do everything we can to bring all our resources to bear-we have considerable resources in this area-working with others to make sure that we get humanitarian aid to every part of that country and that we plan for the future.

Tony Baldry Banbury Con: One of the factors that caused Gaddafi to abandon his programme of weapons of mass destruction in the s was that he knew he was on the verge of being indicted for war crimes by the UN Special Court for Sierra Leone, so he well understands both the power and the reach of international criminal law.

Will my right hon. Friend try to ensure that the International Criminal Court makes it very clear that it is not only Gaddafi who stands at risk of being indicted by the ICC, but all those around him who are most responsible for war crimes and crimes against humanity? Friend makes an extremely good point, and we are making sure not only that Gaddafi and his immediate colleagues know they are in danger of going in front of the ICC, but that all those who choose to back the regime and carry out war crimes know that they are also in that danger.

In addition, anyone who thinks of being a mercenary, of organising mercenaries or of organising arms shipments to that regime are covered in the same way. Communicating that message in all the ways that we can is vitally important work.

I support the freedom struggle of the Libyan people and I am a supporter of the United Nations, but I have grave concerns about the use of force by western powers in this region, and both the short-term and long-term consequences.

It therefore behoves us to ask the question: In the short-term, in the interests of conflict resolution, is there to be a final offer from the United Nations to Gaddafi for peace talks? If armed conflict goes ahead, what measures are being put in place to ensure the safety of civilians? In particular, may I urge the Prime Minister that there should be no use of depleted uranium weapons, which have damaged the long-term safety of the civilians in Iraq?

Given the change of regimes that has taken place in this region, given what is happening in Bahrain and given the continued oppression of the Palestinian people, may I urge him to go to the United Nations and say that now is the opportune time to re-establish a middle eastern conference that looks at the long-term security and peace of this region?

I thank the hon. Gentleman for his question. What the UN is suggesting is very clear. The point that I would make to the hon.

Gentleman does need to think about this, because although there should, of course, be all sorts of things holding you back before you take action, and there are all the questions you should ask, when there is this degree of international backing, and if Gaddafi will not stop the brutalising of civilians, there is a complete legitimisation of taking action to protect those civilians.

May I, too, congratulate the Prime Minister on his spectacularly successful leadership and the amazing turnaround that he has achieved? Will he tell the House a little more about the discussions he is having with members of the Arab League about the role that they may be able to play in supporting this resolution? The encouraging thing is, first, that the Arab League came forward so clearly and asked for a no-fly zone.

The contact I had, including on my trip to the Gulf, was that so many were so clear that Gaddafi was illegitimate and that what he was doing was wrong.

There was a genuine sense of outrage at what he was doing. The key now is to try to encourage the Arab League and its members, and not just in those 18 Mar Column words and great sentiments: That is extremely important and we should do everything we can to secure it. Mi sa que ogni uno puo scrivere il nome que vuole, molto difficile da verificare visto que nel sito a anche scritto zidane Per il resto rimani come sei e Divertento.

Mi sorprende sentire tutte queste voci ho letto alcuni post, non mi sono divertito a leggere tutto che cercano il bianco e il nero, la difesa dell'uno e la condanna dell'altro e viceversa Zidane è stato per la francia un giocatore modello che ha forse fatto falli da espulsione, ma come molti altri giocatori Ha fallito, dato che da quella testata in poi tutti lo ricorderanno anche per questa. Trovo un po' esagerati questi insulti a volte un po' razziali. Non è nient'altro che una persona come tutti noi che ha fatto una cazzata e secondo me neanche tanto grossa, un'azzuffata da ragazzini.

Quello che noto è che è avvenuto a 10 minuti dalla fine della finale del mondo e che zidane quando è uscito è passato accanto alla coppa del mondo a capo chino.

Ne parliamo perché bisogna parlarne, perché fa moda, perché in questo momento abbiamo bisogno di riscuoterci dagli scandali calcistici Proviamo piuttosto a parlare della bambina che viene bombardata in libano o del vecchietto che viene mitragliato in israele. Loro pero' non gli hanno fatto fallo all' 80 di una finale di coppa del mondo Tutti i colpevoli di calciopoli "Moggi e i suoi compagni di merende"devono andare in galera,altro che "inibizione".

Hanno rubato,minacciato,commesso illeciti sportivi e penali vedi sequestro di persona ai danni di Paparesta. E poi siamo proprio sicuri che Pessotto si sia buttato di sua spontanea volontà?

Queste persone vanno punite solo per aver ucciso il più grande spettacolo che l'essere umano potesse realizzare: Oltre al fatto che imparare un po' di italiano non guasterebbe, deve sapere che è arrivato dopo la puzza, giacché la coppa del mondo l'abbiamo vinta noi. Si mi sono permesso di scrivere nel quel blog non e per provocare era solo per rispondere a tutto quello que avevo letto come lo faccio dal solito in francia quando la gente dicce delle cose sbagliate, raciste.

L'italia a vinto il campionato per me non e un problemo Le parole di oddio di alcune persone al confronto dei Francesi In francia non le avevo mai sentito contro i Italiani force perche mei noni sono italiani e que i antenanti di tanti di mei amicci lo sono anche Deluso lo sono siccuramente que sia dei Italiani dei Francesi e d'altri.

Per imparare l'Italiano facco al massimo visto que non l'o studiato per me scriverlo e molto difficile Ignorante non credo che lo sono la storia della famiglia di zidane la conosco perfetamente quella dei algerini in francia anche o tanti amicci di tutte origine.

Non mi permetterei mai di parlare male di uno per le sue origine Abbiamo tantissimo da impararare dei altri prima di guidicarle. Tutti meritiamo meglio que queste polemiche que anno fato tanto male nel passato.

Provate a rendervi conto che anche se questo blog è italiano e finisce con un. Non difendo questo david lacqua, ma mi pare che anche tu cada in una sorta di affermazione ingorante e provocatrice. Il messaggio del suddetto si capisce benissimo anche se non è scritto in un italiano perfetto Io al posto di Materazzi avrei applicato la "legge del taglione" vista la provenienza di Zidane: W Materazzi, W l'Italia anche se fosse arrivata solo seconda Il problema è nel nostro complesso d'inferiorità nei confronti delle altre nazioni: Sono d'accordo effettivamente è ora che noi altri Italiani bombiamo un po il torso.

Vivo da 40 anni in Francia e il discorso Europeo che si sente qui è un discorso Francia e Germania l'europa secondo loro sono questi due paesi gli altri essendo dei paesi di seconda zona è ora che l'Italia alzi un po la voce in Europa e nel mondo e che i nostri diriggenti habbiano un po piu di" palle " nei rispetti della politica estera.

Ah gia ma lui l'aveva insultato Forse non ci rendiamo conto che questa pagliacciata su Zidane e Materazzi crea un precedente assurdo e senza senso. Ad esempio De Rossi per la sua gomitata nel mondiale potrà ora sostenere che l'avversario due secondi prima gli aveva detto "Figlio di..

Constato comunque con piacere Zidane e francese perche natto in francia non è beduino ma kabile sono due cose diverse non e un algerino rinnegato si chiama Zinedine Yazid Zidane la sua famiglia e in francia anche si non giocano a calcio. Du buana molto malo, buana mezo frangese esere begio di buana frangese, alor si du esere nibode di idaliani du buana disonori duoi nonni. Non ne posso più delle schifezze che stanno facendo in Italia relative allo scandalo "Moggiopoli" E' ora di finirla L'importante è non avere pensieri, vedere le partite di calcio truccate ma che sembrino vere per non pensare alla tremenda realtà che ci troviamo a vivere!!!

Ritornando allo scandalo calcio adesso i "signori" potenti diranno che è stato un piccolo incidente di percorso e che possiamo tornare a dare i nostri soldi alle PayPerView Tv che poi gireranno alle nostre squadre preferite Almeno qui i panni sporchi li lavano seriamente non dando sconti di pena Perdonate per il mio sfogo ma amo troppo il mio paese per dover subire tutto questo. Non credo che il calcio italiano sia più corrotto di quello di francia od altri paesi, ma vorrei far notare che, negli ultimi 30 anni, solo in Italia siamo stati capaci di metterlo sotto processo per ben 2 volte.

Scusate ma Cossiga a cui piace tanto scrivere ha poi scritto una lettera di scuse a Materazzi? E poi siamo proprio sicuri che la faccenda non convenga allo stesso Materazzi? Ricordiamoci che tutti i suoi peccatucci di gioventù sono stati commessi in stadi pieni di gente che urlava 'Materazzi figlio di p. A me pera una situazione grottesca. Che nello sport l'insulto sia pratica comune mi pare assodato in campo, in pista, nei palazzetti non ho mai visto educande , almeno quanto le botte non lo siano.

Che poi uno Zidane ciucco di fatica, nervoso, mezzo infortunato abbia perso la testa mi pare che ci possa stare purché Zidane stesso si assuma da uomo le proprie responsabilità. La fama di cattivo di Materazzi è assolutamente irrilevante; avesse pure in passato accoltellato un arbitro non avrebbe nessuna importanza. Che poi la pratica dell'insulto sia malcostume dovrebbero capirlo i calciatori, i dirigenti, i tifosi, i giornalisti, i politici, gli architetti, i gelatai, Se volete vedere uno sport dove non ci si insulta guardate il tennis od il golf.

Che poi ancora il gesto di Zidane non debba sminuire una carriera radiosa è ancora un'altro discorso. Oggettività e realismo ,questo è quello che si chiede a tutti gli amanti del calcio Italiano. Mi chiedo ma cosa centra sua sorella????? Se devi offendere qualcuno non occorre mettere di mezzo la famiglia o gli amici, digli che è un co Sono nauseata di tutte ste storie!

Tutto quello che puo' aver fatto in precedenza non ha niente a che vedere con questo episodio. E un insulto per quanto pesante ma e' tutto da dimostrare non e' grave come un atto di violenza. E chi sarebbe il più grande? Se anche avesse detto "figlio di p Zidane non ha scusanti. Non è neanche stato un colpo di testa a caldo, è andato avanti, ci ha pensato, si è girato e ha colpito.

State solo cercando delle scuse per un'uscita vergognosa. Un campione se è tale, ad un insulto verbale risponde con un insulto verbale soprattutto se questo "campione" non è nuovo al lancio di insulti e ad attacchi personali diretti e non dire che non è vero, perché allora saresti proprio un bugiardo. Non poteva andarsene con disonore e quindi il disonore è stato fatto ricadere su un altro: Tu probabilmente non hai grande stima di te stesso, come italiano,ma questo è un problema tuo.

La stima di se stessi,come italiani, si acquista diffendendo materazzi? Allora Tu hai un problema. Brava Patrizia, sono d'acordo con quanto sostieni su quell'idividuo che corrisponde al nome di Zidane che una volta giocava col pallone, mentre oggi si diverte a prendere a cornate gli aversari che sul campo non gli fanno toccare palle mentre a lui piacerebbe tanto tutta questa storia mi ha fatto arribiare tanto, ma ancora di più mi fanno arrabiare tutte quelle persone che avrebbero dovuto prettende le scuse ufficiali da Zidane, da Blatter e da tutti quanti che con il loro comportamento in ocasione dei mondiali ci hanno mancato di rispetto.

Non so se è vero che la mamma di Zidane a chiesto i testicoli di Materazzi, non ci posso credere, non voglio crederci, ma se fosse vero Non fanno che infangarci dall'inizio del mondiale e noi rispettiamo il verdetto?! E visto che comandano loro se dovessero richiedere l'applicazione dell'art. Non ci siamo stancati di farci mettere i piedi sopra la testa da un velonoso Platini, da un insignificante Blatter e da una Francia antisportiva? Ad essere sempre accondiscenti non si fa una gran bella figura.

Non importa se il mondo ha visto: Hanno dovuto trovare una scusante al comportamento ignobile di chi è stato un "grande" campione, un capro espiatorio per una Francia delusa perché non ha potuto accendere tutte le sue lampadine sistemate sulla Torre Eiffel lo faranno per Natale , la sua GRANDEUR sconfitta da un gruppo di mangiaspaghetti mafiosi OK è vero, ma mi sembra che abbiano dimostrato ampiamente che il marcio e la mafia non sono solo italiani.

Per me sono epiteti a sfondo razziale, insulti belli e buoni a cui non abbiamo replicato e per i quali avremmo dovuto richiedere una giusta ammenda!!! Non credo di essere l'unica persona scandalizzata e indignata per questo verdetto, ma come Italiana sono profondamente delusa dal "lasciar correre".

Un po' d'orgoglio nazionale non farebbe male: Se buana asgoldare pladiní avere gabido ghe dovere asberare per vinguere alora buana sdare zito e non rombere golioni. Cara Patrizia,sono perfettamente d'accordo con te. Mi preme pero'far notare una cosa che sembra essere sfuggita a molti: Io seguo lo sport giovanile e ti posso assicurare che tende a essere sempre piu' violento,anche se molto meno che in altre attivita';Non pensano ai ragazzi i giornalisti francesi?

E'un confronto leale tra due persone. Intanto si chiama Said Uddin Al-Zidat. La sua famiglia è ancora in algeria perché non giocano a calcio. Per quanto riguarda gli attributi del calciatore italiano, gli è andata bene che Zidane gli abbia dato una testata, io con un calcione glieli avrei asportati. Con grande stima e ammirazione. Giuseppe Barbiera Via S. Francesco, 58 Imola BO. Materazzi ha provocato volutamente Zidane e Zinedine da buon scorretto ha reagito come lui voleva. Certe volte,provo vergogna di essere italiano,specie quando una persona come COSSIGA,ke è stata il presidente di una nazione come l'Italia, fa certe dichiarazioni!!!!

Forse il signor Cossiga ignora ke gli stipendi dei calciatori siamo noi tifosi ke li decidiamo, anke se in maniera indiretta: Avvolte mi kiedo cosa abbiano fatto di buono i politici italiani, ebbene nn riesco a trovare una risposta!!!! PS firmate la petizione su www. Finché l'Italia non imparerà a farsi rispettare rischia di farsi inchiappettare anche quando ha pienamente ragione.

Mi piacerebbe vedere se in Francia esistono Francesi che hanno condannato il gesto dell'algerino rinnegato e cornuto. Per fortuna que i francesi anno condannato il gesto di zidane gesto non e un esempio per nesssuno.

Algerino rinnegato e cornuto piedi neri ma di chi sta parlando roberto volpi un po di cultura non fa mal. Primi fra tutti i giornali. Poi essendo un eroe nazionale hanno cercato di diminuire l'impatto violento e ingiustificabile di un gesto irresponsabile e soprattutto plateale di zidane Per il "cornuto" direi che si commenta da solo Poi ti stupisci perchè all'estero c'insultano.

Antonio Bassu quoto ogni tua singola parola. Evidentemente ti fa schifo essere italiano vero? Siamo in cima al mondo, abbiamo fatto mangiare amaro e mi trattengo i francesi, anzi gli abbiamo detto che sarebbe meglio averlo il bidè in bagno, perchè dopo essere andati di corpo è consuetudine lavarselo vero? Forse è per gente come lei che il mondo ci critica, perchè anche se siamo i più forti del mondo lo abbiamo dimostrato c'è ancora chi rema contro.

In campo cristo santo, chi non lo sa? Poi quando l'arbritro fischia la fine è finita punto e basta. Se vuole fare il maestro, mi faccia una cortesia vada a vivere nel mondo dei cuculi fritti! Godiamoci la vittoria, se Zidane ha reagito è stato solo più fesso.

Ah dimenticavo da quello che dice lei se uno per strada mi offende sono autorizzato a sparargli in fronte vero? Mi faccia il piacere, un giorno se non ci saranno più persone come lei che critica una squadra ed una nazione che ha vinto il mondiale, forse l'italia comincierà ad andare sulla buona strada.

Le offese, gli insulti, le gomitate e le sbarate nei garletti come le chiamava mio nonno da che mondo e mondo sono all'ordine del giorno su un campo da gioco, poi quando finisce la partita ci si stringe la mano, è tutto legato all'agonismo.

Ammiro molto materazzi, perchè in quel momento il più intelligente è stato lui con quel mezzo e mezzo senza bidè un popolo senza bidè è abbastanza inconcepibile , a proposito tu non ti lavi dopo che sei andato di corpo?

Scusami tanto, ma una volta tanto che caghiamo sulla testa del mondo intero remiamo la barca tutti dalla stessa parte!!!!! Il rispetto per le regole e' nelle competizioni la cosa principale. Tra queste regole ve ne e' una , che prevede di non offendere l'avversario.

Se l'arbrito si accorge vi sono conseguenze. L'altro giorno un signore di nome Materazzi ha dato del terrorista a Zidane. Questi si volta e da' una testata allo sterno ad un giocatore che puo' calcisticamente parlando solo lucidare lui le scarpe. Personalmente io da Sardo avrei mirato al setto nasale di modo che il signor Materazzi a distanza di tempo si sarebbe ricordato con dolore dell'avvenimento. Si dice che Zidane non e' nuovo , in fasi di gioco ad intemperanze simili , ed e' vero' , Zidane non e' tenero , si ricorda spesso , sopratutto perche' lo fanno gli altri di essere un Pie'noire,e non bastano i soldi od essere un professionista a cambiare il passato.

Il signor Materazzi , non e' da meno anzi e' di molto peggiore , perche' oltre ad essere un provocatore , e' anche un picchiatore a freddo , come ha dimostrato dando testate e cazzotti ad un giocatore , questa volta pero' a freddo , premeditando il fatto, passando per gli spogliatoi , e rendendo il viso del malcapitato in sangue.

Ecco perche' sto' con Zidane e non con il signor Materazzi. E' gravissima la testata di Zidane , ma peggiore e' Materazzi , provocatore che invece di essere portato in trionfo dovrebbe essere espulso per questo fatto dal giro della nazionale italiana che seppur campione del mondo , e' inquinata da persone che si riciclano il sangue, che scommettono contro se stessi,altri che inneggiano al nazismo, ed altri che provocano, ed ancora da persone in sentore di reati sportivi vari.

Campioni del mondo , nel mondo dei furbi, ma campioni di niente in un mondo di giusti. Baciatela pure la coppa , se e' conquistata cosi' vale poco o niente. Poi chiedetevi perche' la gente e' schifata da tali fatti , e molti ne parlano male. Povero calcio , e poveri ricchi calciatori , espressione della cretineria generale. Ma oltre a questo Ecco il genere di parole che non si dovrebbe sentire queste sono parole raciste oltre a questo valle meglio di lei.

Mi associo completamente al tuo commento, anche se ne ho espresso uno analogo precedentemente su questo blog. Ti lascio il merito di essere stato più circostanziato, informato, e conciso nello stesso tempo, esprimendo chiaramente gli stessi concetti cui io stesso tenevo ad evidenziare. Per quanti dissentono, vorrei ricordare che non mi sento meno italiano di loro. Caro Antonio nel calcio non esiste alcuna regola che vieti le provocazioni.

Il calcio è uno sport di agonismo che a tutti noi ed al mondo intero piace anche per questo. Possiamo anche ammettere che Materazzi se è vero che abbia dato del terrorista a Zidane! Perchè allora non si è proceduto contro questi signori che ci hanno dato dei "mafiosi, pizzaioli, ladri etc" e che hanno fischiato il nostro inno?

Non so perchè ma provo ad immaginare. Forse si tratta di un problema politico? Ti chiedo una cosa: Probabilmente il giocatore sarebbe stato squalificato a vita! Invece stavolta si tratta di Zizoù, il genio innato del calcio francese degli ultimi anni, che non avrebbe mai potuto abbandonare la scena del calcio mondiale, lasciandoci questo ricordo ed allora ecco che sono intervenuti Platini, Blatter a cancellare via con un colpo di spugna quel gestaccio.

Vorrei rispondere ad Antonio Bassu, kiedendogli prima di tutto se ha mai giocato a pallone; poi vorrei anke fargli notare ke in tutti gli sport, e in tutte le competizioni i giocatori provocano l'avversario, tramite insulti e quant'altro.

Purtroppo gli insulti fanno anke parte del quotidiano di noi tutti, vorrei sapere anke se lei nn ha mai offeso nessuno, ad esempio in macchina quando guida!!!! In secondo luogo, materazzi è un campione con la C maiuscola, in quanto nn molla mai, ed il suo ruolo è quello di fermare l'avversario, anke commettendo il fallo questo ki gioca a calcio lo sa!!!

Poi dico io, se materazzi è un pazzo violento, allora xkè è amico e ben voluto da tutti i suoi compagni di squadra, nell'inter e nella nazionale?? NN so forse sono io ad essere pazzo, e credere ke materezzi sia un grande campione, o forse è lei ad essere troppo effimero nei giudizi sportivi Dar ragione a Zidane vuol dire poter usare la violenza a proprio piacimento , complimenti.

Mi pare che tu sia un poco confuso; Materazzi forse, e sottolineo forse, ha rivolto offese a zidane, offese che sicuramente, durante la partita, vari giocatori francesi hanno rivolto agli italiani, senza che un nostro giocatore tentasse di uccidere l'avversario. Se vuoi capire qual'era lo stato d'animo di zidane già prima dell'inizio, rivedi il momento delle strette di mano tra i capitani, gli arbitri e i guardalinee, quando il tuo idolo ha rifiutato lo sguardo ed il sorriso di Cannavaro.

La Coppa del Mondo, poi, è stata strameritata dall'Italia e non è stata certo vinta per l'espulsione di Zidane, che era "scoppiato" ed aveva già chiesto il cambio un paio di volte. Prepotente, violento e furbo non è Materazzi, è Zidane, che ha commesso un atto gravissimo ed ha avuto la faccia di bronzo di giustificarlo in una conferenza stampa con tanto di giornalista genuflesso e con la protezione dei poteri forti del calcio mondiale leggi FIFA ; tutto quello che di vergognoso è stato fatto in sede di squalifiche, ha trovato sprone nella convinzione di questi signori di poterla frare franca di fronte ad una Nazione come l'Italia dove ci sono troppi che ragionano copme te.

Prova solo ad immaginare se fosse successo il contrario e in passato è reralmente successo a Totti: Materazzi sarebbe stato radiato e Zidane fatto santo subito veramente.

La classe calcistica non è sufficiente a farti diventare Uomo con la U maiuscola, Zidane resta un immigrato frustrato, rancoroso e violento, a cui il Padreterno ha donato la classe calcistica. Ma mi ricordo caro peppe guando era pronto a invitare a cena i giocatori del gana.

Abbiamo vinto, limpidamente, con la difesa imbattuta, se si considera il rigorino dato ai rancesi e l'autogol fatto con gli Americani, e qusto non va giù all'Europa intera. Non ci credo neanche que ti chiami Jamil Sharif calcosa non quadra. Scusa per il mio italiano sono francese e non credo que sei in grado di capirlo. Jamil Sharif dove le ai trovate queste imformatione sbagliate credo que non sai di cosa parli siccuramente non sei algerino ne francese.

Andatevi a rivedere le coraggiose, belle, entrate di materazzi nella sua "gloriosa" carriera: Se anke avesse detto "figlio di p Un campione se è tale, ad un insulto verbale risponde con un insulto verbale sioprattutto se questo "campione" non è nuovo al lancio di insulti e ad attacchi corporali proditori e non dire che non è vero, perché allora saresti proprio un bugiardo.

Tu probabilmente nn hai grande stima di stesso, ma questo è un problema tuo. Tristi, veramente tristi coloro che non sanno stare nemmeno dalla parte di se stessi Oppure sei un francese? In entrambi i casi A me sembra che a questo punto i piu' fessi sono propro tutti i giocatori che non hanno reagito alle provocazioni! Se la fifa voleva dare un segnale e voleva essere veramente corretta avrebbe dovuto andare a rintracciare tutte le provocazioni fatte durante questi mondiali e dare due giornate a tutti!

Ora che siamo Campioni del Mondo, ma anche se non lo fossimo stati, dobbiamo riacquistare in ambito fifa ed uefa il posto che ci spetta di diritto e fare anche noi la voce grossa perche' non si possono piu' tollerare gli sgarbi che ha dovuto subire la Nazionale Italiana negli ultimi anni esempio il mondiale in Corea e quest'ultimo con la sentenza farsa di zidane e la condanna ingiusta di Materazzi, grazie soprattutto a quei due finocchi di platini e blatter.

Il primo deve inginocchiarsi e baciare il Suolo Italiano se ha avuto gloria e successo,il secondo ha fatto prostituire la moglie insoddisfatta,la sorella, le figlie? Ad majora - forza Italiaaaaaaaaaaaaaaaaa. Scusatemi, sarà cosa grave, ma nei giudizi di fatti accaduti, ho l'abitudine di lasciare da parte lo spirito di appartenenza, sia partitica, sia nazionalistica o quant'altro.

Dimentichiamoci di essere in uno stadio, ove purtroppo da parte di un difensore è giustificato fare fallo verso un attaccante che ti ha superato. Dimentichiamoci di essere in uno stadio dove consuetudinalmente si punisce solamente la reazione in quanto solo questa è visibile. Se fossimo per strada ed a una pesante provocazione maliziosamente pensata , che tipo di giudizio daremmo ad una reazione istintiva di tipo manesco?

Non voglio assolutamente giustiuficare e legittimare reazioni di questo tipo, in un ambito "professionale", ma se questo ambito tale è, è ancor meno giustificabile che per innevrvosire l'avversario si ricorra a tali mezzi.

E' ora di cambiare tipo di cultura nel mondo del calcio, se un avversario ci ha superato correttamente non si ha nessuna giustificazione ha fermarlo scorrettamente, Purtroppo questo viene ancora insegnato anche ai più piccoli. Ritornando ai fatti, se è vero quello che ho capito, cioè che a innocenti tirate di maglia da parte di Materazzi sicuramente non consone al manuale del corretto calciatore il francese avesse risposto che se proprio voleva la maglietta, a fine partita gliel'avrebbe data se proprio la voleva.

Una battuta provocatoria se vogliamo, ma che in parte giustifica i mezzi non proprio corretti del difensore. A questo punto, la reazione verbale insistente e prolungata pensata da parte di chi sicuramente dalla parte della ragione non era, provoca una reazione non calcolata. Visto che parliamo di professionisti, non possiamo giustificare la reazione, ma vivaddio, siamo riusciti, forse per la prima volta a punire anche la provocazione.

Sono stato sportivo praticante, a delle provocazioni non regolamentari ho reagito con dei pugni, ma facevo il pugile! Cari Amici, Nel il famoso arbitro Moreno, ora il verdetto scandaloso del caso "Zidane". Sappiamo con certezza che la FIFA non ci ama ma la cosa peggiore è che nessuno della nostra federazione dice nulla!

Blatter è un vero mascalzone e non solo lui! Perchè non se ne và dalla FIFA? Per quanti anni ancora dovrà essere capo di questa scandalosa organizzazione? Salve, mi chiamo Zidane, Zinedine Zidane, ma tutti mi chiamano Zizou come i vezzeggiativi che si danno ai bimbi piccoli; ed e' cosi che mi sento da un bel po'.

Ho lavorato in Italia giusto per spillare loro un po' di quattrini: Ho sempre perso facilmente le staffe e picchiato gli avversari piu' forti - sempre per difesa, naturalmente - ed il calcio mi ha sempre permesso di farlo rimanendo impunito; oggi mi trovo addirittura ad essere quasi un eroe nazionale Materazzi volevo ucciderlo, nulla di personale intendiamoci; volevo uccidere in lui tutti coloro che in vita mia mi hanno offeso, umiliato, che si sono fatti beffe di me permettendosi di battermi, di essermi superiori.

Ma, se questi italiani - in Francia e' cosa risaputa - sono dei buoni a nulla, come hanno fatto a batterci anche a calcio? Vi prego, ho sbagliato tanto, ma sono un bimbo piccolo, quasi francese in una terra di francesi capite adesso? Buona testata a tutti. Lo ha ribadito Francesco Furlanello, esperto di aritmie e morti improvvise degli atleti.

Un trauma come quello provocato dal colpo di testa avrebbe potuto causare un arresto cardiaco'. Caro Beppe, ormai su qst faccenda si è detto di tutto pro e contro su Zidane. Io sn un grandissimo ammiratore di Zidane anke xkè era nella juve di cui io sn tifoso Come sempre ed in ogni campo ci sono figli e figliastri: Io dico di no!

E poi qualunque sia stata la provocazione si trattava di parole ed a parole il campione francese doveva rispondere: Nella vita è tutta un' altra storia. Inorridisco piuttosto alle ultime notizie che danno il nostro Marco squalificato per 2 giornate per insulti. Roba mai vista , scandaloso , penoso , incredibile Ma questo non e' il calcio giocato perfortuna questo e' il calcio scritto Ma che bell'ambientino quello della speculazione "effetto stampa in primapagina".

Ma spiegatemi dove mai s'e' vista una squalifica per insulti? Bisogna saper perdere gente! Questo e' il punto. L'italia ha prima saputo perdere , anche in casa propria. Sempre con onore e a testa alta. Per questo sono orgoglioso di essere italiano. E poi , Francia di qua e Francia di la In effetti i giocatori, ogni qualvolta ci sarà una rissa, potranno chiedere sanzioni anche a chi è stato aggredito dicendo che ci sono stati insulti alla nonna, alla mamma, alla zia,,, e perché no, anche ad un amico a questo punto Poi sarà Blatter a decidere: Ma che è sta storia?!!

E poi è nessuno ha detto niente.. Un'altra dimostrazione di quanto non capiscono nulla le persone che ci governano!! Credo che occorra andare oltre il disappunto e la rabbia e porre in evidenza gli interessi e gli sponsor che stanno dietro Zidane e che hanno agito al fine di salvarlo come uomo immagine e positiva.

Quali sono gli Sponsor di Zidane? Evidenziamoli e diciamo che ogni volta che compriamo un prodotto di aziende che sponsorizzano Zidane, contribuiamo a rafforzare la violenza nel calcio!

A molti non è ancora chiaro come la politica degli Sponsor sia quella di utilizzare Zidane in futuro, una volta uscito dal calcio: Ma possiamo colpire Zidane agendo sugli Sponsor: Oltre alla denuncia, abbiamo in mano solo una semplice arma: Vuoi vedere che gli sponsor di Zidane, Platini e Blatter siano gli stessi?

Disponibile alla battaglia, porgo un cordiale saluto Aldo Sca. Dommage iolanda cosa si fara in francia sensa di te bel esempio per fortuna que tutti non la pensano come te Ma fai oppure a me mi va benissimo. Il comportamento della Fifa mi ha disgustata. Non ho parole per definirlo come merita. Vivo a Basilea, al confine con la Francia.

Finora ho parlato la loro lingua, ho ascoltato la radio, ho guardato la lo TV. Ma da due settimane ho smesso. Ho cominciato a boicottare tutto quello che è francese, non solo gli sponsor del campione-ariete. Nel mio piccolo ho ho dichiarato una guerra di protesta alla Grande Gueule. A prescindere dalla mancanza di stile francese, dall'atteggiamento viscido e vigliacco di quell'essere mediocre di Blatter il cognome di per sè aiuta a farsi un'idea dell'aspetto qualitativo del personaggio , e mostrando tutta la mia solidarietà per Materazzi, devo dire onestamente che tutto questo polverone sollevato e le ridicole azioni per infastidirci, la premiazione a Zidane, la squalifica di Materazzi , dimostrano come i francesi fossero convinti di riportare a casa il trofeo e di come l'insuccesso abbia fatto veramente male!!

Cosa si prova a perdere ai rigori una finale?? Be adesso lo sanno ed io GODO!! Tutti sanno che Zidane ha giocato la sua ultima partita in nazionale: Ma poi questa squalifica con multa a carico dei giocatori ha qualche precedente? O è un'ulteriore presa per il culo? La sentenza si rivela dunque ingiusta e le pene sproporzionate rispetto alla colpa.

Anche qualora si fosse voluto con questo atto educare il calcio, mi chiedo come mai quando Totti ha sputato non si sia fatta la stessa cosa.

Ma dove andremo a finire??? Nonostante tutto i nostri Ragazzi sono stati più forti di tutti, forse non ci hanno regalato un gran gioco, ma ci hanno lasciato delle emozioni indimenticabili, ci hanno regalato vittorie agli ultimi minuti e ai rigori,le più belle, al contrario di quanto eravamo abituati a vedere da troppo tempo ormai. Tutto il mondo ha visto il gesto di zidane: Mi piacerebbe sapere in cosa consisterà il suo "lavoro sociale". Forse demolire a testate edifici pericolanti.

Mica per il gusto della testata, ma perchè lui si becca due giornate di squalifica. Un conto è la diplomazia, un conto è subire e stare zitti. Ma se non lo difende lui Materazzi, chi lo deve difendere! Se non contiamo nulla a livello internazionale un motivo c'è! La mafia siamo noi giusto? Ci hanno accusato di essere mafiosi perchè siamo arrivati in finale!!!! E ora che abbiamo vinto la finale cercano in tutti i modi di rovinarci la festa Quella coppa doveva darcela un certo Signor Blatter o per lo meno doveva essere presente alla festa sul campo Oggi si viene a sapere che Zidane nn ha fatto niente di male considerate le giornate Speriamo che qualche giudice metta il becco nel calcio a livello nternazionale, perchè é ora che certi personaggi come Blatter vengano estromessi.

I mafiosi son loro. Questa è l'ennesima dimostrazione di quanto poco contiamo a livello internazionale come federazione caso scoppiato già con Moreno e di quanto siamo abituati all'autoflagellazione stile Fantozzi: Bastava dire a De Rossi di dare una testata all'americano invece che una sgomitata e avrebbe giocato anche la semifinale.

In Italia alla fine Moggi è stato giustamente messo alla corda e perchè Blatter e Platini in Europa fanno quello che vogliono?? Ho l'impressione che il mondo mi stia scivolando dalle mani. Non capisco più niente! Ricordate lo sputo di Totti? Il capitano giallorosso venne condannato da tutta la stampa italiana e internazionale e da tutto il paese inesorabilmente e forse giustamente.

Blatter si vergogni per questo e per la mancata presenza alla premiazione degli azzurri. Vi sembra giusto che a Zidane abbiano dato 3 turni di squalifica e a materazzi 2? Ma dove siamo finiti? Sembra quasi che il peggiore sia Materazzi!!!! Si pare essere proprio l'ultimo vergognoso atto di una vicenda che si è rivelata scandalosa gia dalle prime battute. Oggi 20 luglio la fifa ha si è scoperta dimostrandosi a tutto il mondo per quello che è: Oggi 20 luglio anche il calcio internazionale è definitivamente morto, perchè oggi è morto lo spirito stesso sul quale fonda le basi il gioco più bello del mondo, lo spirito di amicizia, di gioco, di fratellanza è stato seppellito sotto un cumulo di cattiveria ed egoismo dinanzi agli occhi del mondo intero gia provato da uno scandalo tutto italiano e finito alla schiena da uno internazionale.

Oggi la fifa, e blatter l'aveva anticipato alla finale ha insegnato a grandi e, soprattutto, a piccini della terra che vedono lo sport come un gioco, che la guerra esiste ed è una realtà in Iraq, in Iran, per israele, in sud africa e su di un campo di calcio dove la verità è che non importa partecipare e divertirsi.

Due giornate a Materazzi? Per aver detto tua sorella Ma ragazzi, la FIFA è un'associazione "sui generis", 3 giornate per una testata e 2 per un insulto!

Tra l'altro tra persone che giocano a calcio da quando avevano 6 anni! Mi pare tutto semplice: Ci avesse pensato prima Totti agli europei.. Se avessimo avuto il dubbio ce l'ha tolto il comportamento del buon Blatter che è restato chiuso negli spogliatoi a piangere con Zizou. Che dire ancora, la FiFA dovrebbe aprire un inchiesta su se stessa. Come lobby di stra-potere ridicolizza un sistema come quello messo su dal buon Moggi. Il problema è sempre quello: Le squadre che ospitano i mondiali scortate fino alle semifinali vedi la Corea , i mondiali tra le dittature vedi Argentina 78 etc..

Altro che Materazzi Zizou. Presto faranno anche il mondiale in Cina. La faranno arrivare in finale venderanno molti palloni, un mercato enorme Perchè gl arbitri non danno cornate??

Forse che "cornuto" non è un offesa??! L'esempio che si vorrebbe dare è che se insultati a parole, indipendentemente se quello che si dice è vero o falso, è giustificato reagire con la violenza fisica. Al posto di Materazzi farei causa al Fran Per il francese anche un ammenda di 7. La Fifa ha anche sottolineato che gli insulti del difensore azzurro contro il francese non avevano sfondo razzista.

Ho sempre perso le staffe ed il calcio mi ha sempre permesso di farlo rimanendo impunito; oggi mi trovo addirittura ad essere quasi un eroe nazionale Ma, se questi italiani - in Francia e' cosa risaputa - sono dei buoni a nulla come hanno fatto a batterci anche a calcio? Caro Beppe, sono convinto che una sconfitta da parte dell'Italia, sia la cosa più crudele che si potesse infliggere a quei galli del cavolo.

Non sanno più cosa fare pur di vincere o far vincere chi dicono loro. Prendiamo per esempio il Tour de France, abbiamo il più grande corridore italian IVAN BASSO e loro per paura che vinca in casa loro vanno a prendere la storia del doping Il medico inquisito aveva un paziente che si chiamava Birillo come il cane di Ivan due anni prima avevano rifiutato di far partecipare il campione del mondo Cipollini.

Sono veramente vergognosi, non hanno il senso della sportività. Adesso si attaccano alle frasi offensive che Matrix avrebbe detto a quel psudouomo di Zidane. Ma attaccatevi al c In una partita di calcio, le mamme e le sorelle dei giocatori sono tirate in ballo più che il pallone stesso quindi se il sig.

Zidane ha perso le staffe è perchè forse non ha un carattere forte i precedenti insegnano La cosa peggiore di tutta questa faccenda la vediamo sotto i nostri occhi. Tutti premurosi di chiedere scusa ai francesi a partire da quella mummia di Cossiga. Ma scusa de che???? Ci rendiamo conto che è finito il tempo del servilismo e grazie a Dio noi dei francesi possiamo anche farne a meno??

Non ha avuto il coraggio di uscire e premiare la squadra campione del mondo solo perchè non di suo gradimento. Ma ci rendiamo conto di che animale sia questo schifoso? La cosa importante,in fondo, è quella di essere riusciti a far star zitti gente come platini, Beckembauer e compgnia bella, tutta gente che avrà avuto dei trascorsi grandiosi nel calcio ma come molte volte accade troppe palle prese di testa rincoglioniscono anche il migliore dei geni. Abbiamo battuto gli USA, i Tedeswchi ed infine i Francesi; questo dimostra che è giunto il momento di camminare da soli e mandare tutti gli alleati a quel paese.

Grazie e buona giornata a tutti. Il commento e' semplice Se Materazzi si e' comportato male in passato, cosa c'entra con Zidane che gli da' una testata che puo' uccidere per rottura dello sterno e blocco cardiaco, e' gia' risuccesso non e' fantascienza. Materazzi e' stato punito per quello che ha fatto in passato ma in questo caso il fallo l'ha fatto Zidane.

Misembra che ti sei dimenticata un fatto un tantino fondamentale. Sarebbe ora che si scrollassere anche dalla dipendenza americana,stando fuori dalle beghe e dichiarandosi,finalmente e non sarebbe troppo tardi,neutrale.

Che i nostri governanti tirassero fuori le p La cosa più brutta in tutta questa storia e che come al solito le scuse le abbiamo fatte noi mentre dalla Francia non si è ancora fatto sentire nessuno.

Ermanno Bazzinori, mi stavo chiedendo carissimo Beppe, se per caso potresti avere bisogno di un uomo capace di gestirti questo forum come si deve. Ma quale miglior giocatore del mondiale, zidane non è la prima volta che si comporta da stronzo, da borioso e rissoso francese Oggi si fa presto a dire di parlare bene dell'Italia prima del mondiale quando tutti davano per favorite Brasile la più forte individualmente , Argentina e Germania giocava in casa.

Sono arrivate in finale due "outsiders". Quando vinci e non te lo aspetti è ancora più bello! Zidane aveva la possibilità di recuperare la dignità, chiedendo scusa a tutti per il gesto, dicendo di avere sbagliato, di essersi innervosito, ecc Invece stanno dando il concorso di colpa a Materazzi per "giustificare" la reazione di Zidane e "giustificare" di conseguenza il premio consegnato al francese come miglior giocatore devono dargli le giornate di squalifica, anche se ha chiuso la carriera De Rossi 4 giornate per la sgomitata e Zidane??..

Lo stesso Blatter dopo la rissa tra Germania e Argentina ha dichiarato alla Bbc: Nel calcio si impara a vincere, ma bisogna imparare anche a perdere".

Sarebbe ora che anche la Francia imparasse a perdere. A parte il fatto che non sento piu' nessuno tifare per il Ghana, Brasile e compagnia briscola, come mai?

Due parole su Materazzi e Zidane: Ed e' qui che sta il vero scandalo. Anche Zidane, comunque, ha blaterato qualcosa, andiamo un po' ad esaminare il video anche per lui, povera verginella.

Il migliore e' stato Domenech che pretendeva che non fosse successo nulla dopo che avevano visto in quasi due miliardi di persone Per il signore che deplora il calcio: Tra tante proteste anche inutili ogni tanto una festicciola ci sta anche bene. E lei e' sempre libero di andare in barca a vela o a giocare a golf Evviva l'Italia, evviva Lippi, evviva i nostri ragazzi. Campioni del mondo, quattro volte!!! Adesso sotto con gli europei!!!

Viva Materazzi e se Zouzourro nun ciaveva le corna, nun c'erano capocciate. Il calcio è il nuovo e vero oppio dei Popoli, sperando che ci sia presto una crisi di vocazioni anche per questa "religione" faccio notare che tiene più banco la notizia della divergenza di opinioni frà Zizu e Materazzi fra l'altro mio compaesano che il disastro in Libano o lo zunami a Giava Dal tuo commento si vede che non ti piace il calcio, ma questo non ti autorizza a criticare le persone che sono scese in piazza per festeggiare.

Secondo me il calcio è uno sport bellissimo a prescindere dallo scandalo che è successo e festeggiare tutti insieme è anche un modo per dimenticare per un attimo i tanti problemi del nostro paese. Non me ne frega un cazzo del calcio Non me ne frega un cazzo dei calciatori Non me ne frega un cazzo della vicenda Zidane. Non credo affatto che la vittoria degli azzurri risollevi le sorti di questa enorme zattera galleggiante che è l'Italia.

Al contrario, m'incazzo per le scene post-mondiali. A cominciare dalla festa a Roma. Ma cosa cazzo c'è da festeggiare? Un milione di persone alzano il culo dal divano per questa enorme buffonata e non lo alzano per rivendicare i propri diritti?? Non capite il paradosso? Nel giorno della festa, io mi sento ancora più merda perchè anche io appartengo a questa popolazione italiana di pecoroni, mio malgrado.

Forse il più pecorone di tutti sei tu intruppato nelle tue idee di estrema sinistra. Ricordati che dove è passato il comunismo ha lasciato solo morti e miseria. Non ha idea di quansto sia d'accordo con lei!

E' dal momento della "vittoria" che soffro come un disperato. Da cittadino consapevole sono convinto che l'Italia avrebbe avuto tutto da guadagnare da una mancata vittoria a questa superidiozia che e' il calcio e il relativo mondiale. Siamo campioni del mondo e sicuramente non dobbiamo ringraziare te e il tuo blog!!! Zidane aveva la possibilità di rifarsi una dignità, chiedendo scusa a tutti per il gesto, dicendo di avere sbagliato, di essersi innervosito, ecc La nazionale azzurra dovrebbe rifiutare di mettere da ora in poi quelle ridicole magliette sul fairplay a inizio gara,tanto care a Blatter.

Oppure riscriviamo il vocabolario,con la definizione: Bisogna smetterla di parlare di quello che ha detto materazzi e cominciare a parlare di quello che ha fatto zidane. Inacettabile che inoltre abbia ricevuto il pallone d'oro. Un gesto di quel tipo è più anti sportivo di qualsiaisi insulto. E tutte queste polemiche contro materazzi possono avere il solo e unico risulato di giustificare l'azione di zidane e giustificare future situazioni future.

Infine volgio pregare la fifa che non venga a seguire una partita tra amici oppure in una categoria minore perchè potrebbe espellere intere squadre Siamo Campioni del Mondoooo!! Cannavaro dopatissimo e pupazzo di Moggi, Buffon malato di scommettismo, Sederova stagli più vicino Totti non pensare troppo a Ilary,De rossi Bruce Lee è morto da tempo.

Ma Fin che la barca va lasciala andare Dedicato a Zinedine Zidane Invece del pallone d'oro si sono sbagliati, ti dovevano dare il "coglione D'oro! Ho sentito alla radio che sei stato espulso 14 volte nella tua carriera. Hai concluso la tua carriera alla grande! Proprio come un pollo! Qualcuno lo ha più sentito? Il silenzio parla da se!

Io parlo a questi italiani che rompono solo i coglioni a tutto e a tutti purchè facciano vedere i difetti che aimè abbiamo a tutti e continuano a esaltare quello che c'è fuori confine.

Grillo aveva invitato a cena i bravi e puri giocatori del Ghana, che giocavano nella juventus o nel Chelsea!!!!!!! Oltre a essere poco informato Apphia che doveva essere suo ospite a cena lo sa che stava bene con la maglia bianconera dovrebbe evitare di cadere nei luoghi comuni tipo noi Italiani facciamo sempre tutto male, quanto sono bravi gli altyri.

Caro Grillo ti avrei voluto vedere nella tua bella casa, con il tuo plasma a saltare sul divano al rigore di Grosso, a urlare insulti che non si possono dire contro Zidane L'italia ha vinto il mondiale, il calcio italiano fa vomitare ed è da chiudere, tu hai perso, caro Grillo, una buona occasione per stare zitto Mi fai un po' ridere Beppe, fino dalla prima partita contro il Ghana hai dimostrato il tuo "odio" per la maglia azzurra e adesso vuoi sembrare il fan più accanito dell'italia mondiale Un po' di coerenza suvvia Ho letto un po di commenti Be' che dire sulla vicenda..

Molti di voi giocano a calcio? Non bisogna fare troppo i moralisti, in campo se ne dicono e se ne fanno di tutti i colori.. Non dimenticherei il famoso e brutto gesto di Totti [ lo sputo] che trovo', a suo tempo, la giusta punizione ricordo che ebbi vergogna per quel gesto!! Secondo me è stato un buon segno che tutta l'Italia non apprezzo' il gesto e che non ci fu solidarietà verso il giocatore romano.

Mentre provo quasi vergogna per i francesi prima di tutto Chirac che hanno accolto il loro campione senza dire niente e, anzi, ringraziandolo!!

Spero che l'opinione pubblica francese non sia tutta d'accordo con Chirac.. Zidane ha sbagliato e non doveva fare quel gesto.. Forse un'altra dimostrazione di quanto i grandi pubblici possano ancora essere influenzati e di come viviamo ancora in una europa troppo nazionalista!!

Ho giocato a pallone per una vita e sul campo di calcio si danno e si prendono. Ci si offende a vicenda. Quindi Zidane colpevole materazzi innocente? Se ooffendessero me o i miei parenti nella vita comune come su un campo di calcio reagirei eccome.

E Zidane lo ha fatto nella maniera più platelae non essendo un cattivo. Ovvero se la stessa cosa materazzi l' avesse detta ad un viera, makelele, gallas, l' azione successiva si sarenbbe ritrovato in terra colpito pesantemente.

Questo perchè Zidane non possiede la cattiveria di un difensore o di un centrocampista. Per tutte le teste che ha spaccato? Per tutti gli insulti che ha fatto? Se avessero offeso che so un totti e questi avesse reagito con una testata che avreste detto? Oh povero difensore della squadra avversria.

Zidane è stato offeso. Ha reagito d' istinto e da uomo. Ed è stato cacciato dal campo. Forza Italia e forza Inter. Inoltre non capisco come noi Italiani dobbiamo sempre scusarci con tutti per tutto, ricordiamo le provacazioni del giocatore che agli Europei ha fatto si che Totti arrivasse a farsi espellere, perche' gli Italiani non hanno premiato Totti?

La questione è semplicissima: Del resto da quando in qua i transalpini sanno giocare al calcio? Quanti francesi ci sono nella nazionale francese? I francesi hanno vinto europeo e mondiale con una rappresentativa mondiale ovvero utilizzando gli stranieri.

Mi spiace di uscire dal tema ma visto che nessuno affronta l'argomento Caro Beppe. Mazzocchi credo che si possa definire esempio offensivo e ignobile per la sua stupidità e grottesca farsa di cronist.

E poi basta con i commentatori ciechi e rincoglioniti; primo della fila Marco Civoli con il suo mini vocabolario fatto in casa 10 vocaboli da ripetere alla nausea. Nonostante sia coadiuvato da monitor e moviola, anche dopo la quarta volta che viene riproposto un qualsiasi episodio non riesce a rendersi conto di quello che accade in campo. E poi a casa definitivamente Ciccione Paraculato Galeazzi.

Via anche la mummia urlante di novantesimo minuto, come si chiama quella racchia cadente che mostra le sue rughe flaccide sotto alle ascelle? Via anche il quarto commentatore di turno a bordo campo; inutile e mangiasoldi. Basta con gli ignoranti che ci vuotano il portafogli.

Frequento i campi di calcio da secoli. L'offesa alla mamma e al parentato tutto, sono all'ordine del giorno. Un calciatore, specie se di una certa esperienza come lo è certamente Zidane , sa che certe frasi non sono altro che esplosioni di rabbia e di imbecillità che mai hanno a che vedere con il reala sentire e pensare della persona che le pronuncia. E' stata certamente una caduta di stile, rispondere con un'offesa ad una battuta salace. Mi permetto quindi di dire di avere capito senza alcun ombra di dubbio cosa è successo:.

Che tradotto in termini subliminali significa: Non soffermatevi sulla parola "calcio" come se il problema non vi riguardasse. Sono dalla vostra parte e cerco di essere più coerente possibile e di proteggere il mondo da me stessa, ma il calcio fa parte di questo mondo che sta cambiando ed è una cartina di tornasole della società corrotta e vile dove gli sponsor fanno un giro di telefonate e Zidane passa da criminale ad eroe della patria nel giro di 24 ore su tutti i giornali francesi.

Questa "roba" fa parte della vita, e bisognerebbe scendere un attimo dal piedistallo di brave persone intellettuali per LEGGERE cosa succede in ogni piega del nostro mondo. Sponsor che giustificano guerre assurde perché certi stati "canaglia" sono provocatori e potenzialmente pericolosi.

La discussione Z-M è solo un'altra scusa per capire dove sta andando l'umanità, è un orrendo cammeo in questa follia collettiva. Non è il calcio che fa schifo, è il mondo. E se vogliamo cambiarlo, per cortesia, non diventiamo anche noi RAZZISTI sugli argomenti trattati facendo finta di non sapere chi sia Materazzi perché non guardiamo la tv ma leggiamo solo riviste auto gestite che parlano dei pericoli delle onde dei cellulari degli imprenditori milanesi in vacanza sulle lucertole della patagonia.

Questa è discriminazione e puzza sotto il naso. O forse volete essere dichiarati VOI santi subito? È il commento più intelligente di tutti. È assolutamente quel che penso anch'io. Ho provato a "difendere" und po' i tedeschi, perchè vivo in Germania e ho passato un bellissimo tempo durante il mondiale. È stata una festa fantastica con tutta questa gente arrivata da tutto il mondo che si sentiva bene!! E questa gente qui, oddio NON tutti, ma purtroppo la maggior parte, non capisce niente!!

Ma anche l'ostilità nei confronti dei francesi, arabi o chiunque altro Ma non vi sembra una bambinata? Bravo Zizu, solo che ora dimostri di essere un bambino che non sa perdere. Un mio amico medico mi ha risposto questo: Zidane pesa 85 kg, materazzi era rilassato POI direzione della testata perpendicolare allo sterno POI compressione gabbia toracicia..

Infatti lo sterno colpendo il cuore lo stimola a riprendersi Sono tra quelli che ritiene Zidane un campione che, probabilmente, nella trance agonistica e nell'esaurimento fisico ha commesso un grave errore. Lo avevo fatto notare a mio fratello e avevamo commentato che il mitico Zidane avesse già avuto una caduta di stile..

Le provocazioni, soprattutto nel mondo dilettantistico, sono all'ordine del giorno e non mi risulta che ogni domenica vi sia un torello che si faccia giustizia da sé. Beppe meno male che hai modulato il tuo giudizio sulla nazionale italiana Una cosa è certa qualsiasi "movimento" viene proposto contro il calcio tipo quello di tifare contro per questioni legate al sistema è fallimentare. La cosa che mi ha più infastidito è che sulla vicenda Zidane Materazzi si sono sprecati gli interventi di personaggi molto poco eminenti che hanno voluto esprimere i loro non richiesti pareri.

Frastornati dal caldo e dai nonsense quotidiani non ci resta che chiedere che da adesso in poi subentri un salutare silenzio. Finalmente qualcuno fà la giusta osservazione!! Mi sembra davvero ridicolo pensare alle bandiere sventolate contro il razzismo, contro la violenza, contro la guerra Meglio uno " sputacchio" che non guasta mai!!! Beppe, come proponi Materazzi santo?! Mi stupisco di te. Ma non eri tu a dire che il calico bisogna odiarlo? Naturalmente non come sport, ma per quello che è diventato ormai lo capisce anche chi si era tappato orecchie, occhi naso ecc.

Non sto difendendo Zidane, sia chiaro, che non è nuovo ad azioni del genere. Ma non mettiamo sull'altare Materazzi, per favore. Mi sembra ben più di una testata sul petto. Se Zidane merita 4 in pagella, Materazzi merita 2. Guarda che Materazzi non ha mai mandato in coma nessuno. Devi avere le idee un po' confuse. E poi perche' ti ostini a difendere Zidane che non é nuovo, anzi è recidivo, a fatti del genere? La vergogna è che Zidane multimiliardario e testimone dell'Adidas venga difeso e purtroppo anche da certi Italiani vedi Cossiga e qualche esponente dell'estrema sinistra.

Forse ti documentassi prima di dire castronerie sarebbe meglio. Materazzi sotto il tunnel ha "pestato" Cirillo, ma non l'ha mandato in coma. Per favore se non ricordiamo i fatti meglio il silenzio. Insulti sui campi da calcio ce ne sono sempre stati, in ogni categoria, dai dilettanti ai professionisti. Non vanno di certo giustificati, ma nemmeno eguagliati ad una testata in pieno sterno. Oggi, invece, tutti corrono a salvare Zidane e a lapidare Materazzi.

Perché si ricordano le tristi gesta della carriera dell'interista, e non le precedenti testate del francese? Perché nessuno manda in tv il "figlio di putt.. Cosa avrebbe dovuto fare quest'ultimo: Perché siamo i "soliti italiani" anche in un Mondiale in cui abbiamo sempre accettato in silenzio qualsiasi decisione arbitrale? Ma soprattutto, perché sono gli stessi italiani ad autocrocofiggersi? Credo che sia giusta una severa autocritica nei confronti di alcuni stereotipi negativi che continuano ad appartenerci, ma tale presa di coscienza deve basarsi sull'obbiettività, sui fatti E' davvero paradossale tutto quello che sta accadendo: Blatter non ci premia perché deve consolare Zidane; la stampa tedesca si è divertita ad elencare i 50 motivi della loro superiorità culturale rispetto agli italiani; i media francesi ed inglesi hanno addirittura chiesto il ritiro della Coppa, e alcuni di noi sono qui a dar loro ragione La francia non esiste più.

Per quanto sia inscusabile il comportamento tenuto in campo dal giocatore francese la violenza è sempre una cosa deplorevole non mi sento di voler giustificare nemmeno il pluridefinito "povero Materazzi" Ora so che fare processi senza prove è sbagliato ma il nostro giocatore italiano non ha un passato davvero esemplare da falli molto cattivi su giocatori avversari a interventi che di sportivo hanno ben poco.

: Porno allemande escort girl à dijon

Porno allemande escort girl à dijon Travesti nu escort bordeau
Mature echangiste escort trans brest Penso che sia una lodevole iniziativa per difenderci da tutto il fango videos de porno escort girl moutiers ci è stato gettato addosso,prima, durante e dopo il mondiale. Nonostante tutto i nostri Ragazzi sono stati più forti di tutti, forse non ci hanno regalato un gran gioco, ma ci hanno porno allemande escort girl à dijon delle emozioni indimenticabili, ci hanno regalato vittorie agli ultimi minuti e ai rigori,le più belle, al contrario di quanto eravamo abituati a vedere da troppo tempo ormai. Non crediate che i fischi che piovevano da tutte le parti fossero solo dei francesi,nn bevetevi anche questa! The Prime Minister has informed the House that we are preparing to deploy Tornadoes and Typhoons to relevant air bases. E poi a casa definitivamente Ciccione Paraculato Galeazzi. Non capite il paradosso? Can the Prime Minister give the House a sense of how long he expects the military engagement that we are about to embark on to last?
Lesbiene francaise vivastreet erotica limoges L'autista non mi porta in ospedale ma a casa senza chiamare la polizia per legge bisogna farlo negli stati uniti che si voglia on no. The air superiority of forces loyal to Col. Therefore, will the Prime Minister make sure that there are daily-or sexe video amateur annonc least very regular-reports to the House of Commons, so we avoid a third war? Ho visto un ragazzo perdere un occhio in una rissa durante un torneo di CSI. Almeno qui i panni sporchi li lavano seriamente non dando sconti di pena Perdonate per il mio sfogo ma amo troppo il mio paese per dover subire tutto questo. Non intendo pagare ne so come prima e vorrei denuciare il fatto.
Lesbienne bdsm escort girl marmande Histoire cocu escort girl boulogne billancourt
MEILLEUR FELLATION WANNONCE MONTPELLIER Filme porno gratuite escort avignon

Zona di interdizione al volo. Delibera di stabilire un divieto su tutti i voli nello spazio aereo della Giamahiria Araba Libica, allo scopo di contribuire a proteggere i civili;. Delibera che il comma 11 della risoluzione venga sostituito dal comma seguente: Afferma la propria determinazione ad assicurare che i beni congelati in applicazione del comma 17 della risoluzione siano, in una fase successiva, messi a disposizione e a beneficio del popolo della Giamahiria Araba Libica non appena possibile;.

Delibera che tutti gli Stati, inclusa la Giamahiria Araba Libica, adottino tutte le misure ritenute necessarie per assicurare che non venga avanzato alcun diritto dietro richiesta delle autorità libiche, o di qualsivoglia persona od organismo della Giamahiria Araba Libica, o di qualunque persona che avanzi diritti tramite o a beneficio di tale persona od organismo, in relazione a contratti o altre transazioni la cui prestazione sia stata influenzata in ragione delle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione , nella presente risoluzione, e in risoluzioni collegate;.

Decide di continuare ad occuparsi attivamente della questione. Ambasciatore libico in Ciad. Ha lasciato il Ciad per Sabha. Coinvolto direttamente nel reclutamento e coordinamento di mercenari per il regime. Governatore di Ghat Libia meridionale. Coinvolto direttamente nel reclutamento di mercenari. Direttore Organizzazione Sicurezza Esterna. Generale di Divisione Data di Nascita: Segretario generale per le Utility. Figlio di Muammar Gheddafi.

Vicinanza di associazione con il regime. Comandante delle Forze Speciali. Comando di unità militari coinvolte nella repressione delle manifestazioni. Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e della sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.

Autorità per gli Investimenti Libici. Libyan Arab Foreign Investment. Borgaida Street, Tripoli, Libia, Portafoglio di Investimenti Libia Africa. Bashir Saadwi Street, Tripoli,. Consiglio dei Ministri n. La Presidenza del Consiglio dei Ministri comunica: Il Presidente Berlusconi ha riferito al Consiglio che ogni decisione viene adottata in accordo con il Presidente della Repubblica e che il Parlamento sarà costantemente informato ai fini delle decisioni che intenderà adottare.

La determinazione del Governo, partecipata al Presidente della Repubblica ed adottata con il consenso del Consiglio, verrà immediatamente comunicata alle Camere. Successivamente, il Ministro Tremonti ha svolto una relazione sulla normativa francese a tutela delle imprese strategiche, in vista di un prossimo provvedimento del Governo. La seduta ha avuto termine alle ore 14, La seduta ha avuto termine alle ore 12, The situation in Libya. Following the outbreak of violence in Libya at the end of February, NATO has been supporting international efforts to monitor the situation and bring an end to the hostility.

NATO is now completing its planning in order to be ready to take appropriate action in support of Resolution Allies stand behind the legitimate aspirations of the Libyan people for freedom, democracy and human rights.

NATO military authorities were also tasked with developing detailed plans to provide humanitarian assistance. Bureau of European and Eurasian Affairs. At the invitation of President of the French Republic, M. At the end of the summit, the following declaration was adopted: Since 15 February this year, the Libyan people have been peacefully expressing the rejection of their leaders and their aspiration for change. In the face of these legitimate requests coming from all over the country, the Libyan regime has carried out a growing brutal crackdown, using weapons of war against his own people and perpetrating against them grave and massive violations of humanitarian law.

This situation is intolerable. We express our satisfaction after the adoption of UNSC which, inter alia, demands an immediate and complete ceasefire, authorises the taking of all necessary measures to protect civilians against attacks and establishes a no-fly zone over Libya.

While contributing in differentiated way to the implementation of UNSCR , we are determined to act collectively and resolutely to give full effect to these decisions. Muammar Gaddafi and those executing his orders must immediately end the acts of violence carried out against civilians, to withdraw from all areas they have entered by force, return to their compounds, and allow full humanitarian access.

We are determined to take all necessary action, including military, consistent with UNSCR , to ensure compliance with all its requirements. We assure the Libyan people of our determination to be at their side to help them realise their aspirations and build their future and institutions within a democratic framework.

We recall that UN Security Council resolution does not allow for any occupation of, or attempt to occupy the Libyan territory. We pay tribute to the courageous action of the Libyan National Transition Council NTC and all the Libyans in positions of responsibility who have courageously disassociated themselves from the Libyan regime and given the NTC their support.

Our commitment is for the long term: The Arab League on Saturday called on the United Nations Security Council to enforce a "no-fly zone" over Libyan airspace, marking a decisive diplomatic victory for rebel forces opposed to Moammar Gadhafi, the Libyan ruler.

The announcement will bolster calls by some European leaders to intervene in the violent confrontation between rebels and Col. The air superiority of forces loyal to Col. Gadhafi has helped tip the balance of power against the antigovernment uprising based in the eastern part of the country. On Saturday, government forces tightened their grip on the coastal road linking government-held territory to the rebel-controlled east, the Associated Press reported.

Gadhafi's forces all but routed rebels in the coastal oil-refining city of Ras Lanuf earlier this week and completed their assault on Zawiya, a rebel stronghold west of Tripoli, Libya's capital. Deliberations will now go to the U. Security Council, where permanent members China and Russia are thought to oppose the proposed no-fly zone.

Abdel Hafeez Goga, the deputy head of the Benghazi-based provisional rebel government, the Transitional National Council, praised the Arab League decision. A no-fly zone would ground Libya's air forces, but the practical considerations around the proposal remain unclear.

One proposal would enjoin forces from the North Atlantic Treaty Organization to gun down any airplanes flying over Libyan airspace. President Barack Obama has hesitated on whether to take military action in Libya, even as Britain and France have pushed for intervention. The Arab League's move appeared to have been led by Gulf Arab nations, which announced their support for a U.

Gadhafi's government was illegitimate and that the oil-rich Gulf monarchies would "initiate contacts" with Libyan rebels instead. The Arab League suspended Libya's membership on Feb. Catherine Ashton, the EU's high representative for foreign affairs and security policy, said she would travel to Cairo on Sunday to meet with the Arab League's outgoing secretary-general, Amr Moussa, to arrive at a "collaborative approach" for dealing with the North African country.

Meanwhile, Rashid Khalikov, the U. In a statement issued Friday, the EU said Col. Gadhafi's regime had "lost all legitimacy and is no longer an interlocutor for the EU. In place of Col. Gadhafi's regime, the EU said it "welcomes and encourages" the Transitional National Council as Libya's "political interlocutor," according to the statement released Friday. The National Council is a union of rebel leaders who oppose Col. Gadhafi's son, Seif al-Islam, said in a speech in Tripoli on Thursday that the regime didn't care about Arab states or the Arab League.

The Arab League said it will also initiate "cooperation and communication" with the Transitional National Council "against the crimes committed by the Libyan authorities," according to a statement released by the League following its Saturday meeting.

The statement stopped short of recognizing the rebels as the sole legitimate government of the Libyan people. Goga of the Transitional National Council also leveled accusations against Arab League member state Syria, alleging Damascus "conspired against the Libyan people" by sending Col.

Gadhafi a ship filled with weapons. He also said Syrian pilots had been among those piloting planes shot down by rebel fighters, but said he couldn't say for sure whether the pilots had been sent by the Syrian government or were acting on their own as mercenaries. But the rebel leadership also appeared increasingly disconnected from developments on the battlefield.

Gadhafi's forces had taken control of Ras Lanuf, even as government officials took journalists on a tour of the battle-scarred oil city a day after rebel columns fled the city's outskirts amid heavy bombardment by fighter jets and artillery.

Goga pledged rebel fighters would retake lost ground easily once the international community imposes a no-fly zone. He also said the rebels expected to receive new shipments of weapons but said he could provide no further details on where they were coming from. We are in the process of negotiating weapons deals and on the verge of getting new weapons. Meanwhile, an al-Jazeera cameraman was killed Saturday in what the station described as an "armed ambush" on an al-Jazeera crew on the outskirts of Benghazi, the station said.

A correspondent for the station was also wounded in the attack. Gadhafi's propaganda has singled out al-Jazeera with frequent scathing attacks on its coverage of Libya. Thousands of residents rallied outside the courthouse in central Benghazi on Saturday night to voice their support for the station after the attack. They hoisted flags for Qatar, the country where Al Jazeera is based. The attack comes amid growing jitters in eastern Libya over recent advances by government forces on the front lines, about miles west of Benghazi.

Government forces have reportedly started toward Brega, another oil-refinery town along the coastal road east of Ras Lanuf. Unconfirmed rumors have swirled in recent days that pro-Gadhafi agents have infiltrated Benghazi in growing numbers. Rebel forces, composed mostly of untrained and lightly armed volunteers, appear to be rapidly unraveling in the face of the government offensive, which has included heavy bombardments by air strikes, artillery shells and surface-to-surface rockets.

Omar Hariri, who was tapped by the the Transitional National Council to oversee military affairs for the rebels, said the rebel fighting force was still in tact and able to fight.

Hariri told a news conference. He said the rebel fighters were prepared to stop the government's advance outside of Brega and were capable of defending Benghazi.

Arab League condemns broad Western bombing campaign in Libya. Although the eccentric Gaddafi is widely looked down upon in the Arab world, the leaders and people of the Middle East traditionally have risen up in emotional protest at the first sign of Western intervention.

A shift away from the Arab League endorsement, even partial, would constitute a major setback to the U. Western leaders brandished the Arab League decision as a justification for their decision to move militarily and as a weapon in the debate to obtain a U.

Security Council resolution two days before the bombing began. Russia and China, which abstained from the voting on the U. Security Council resolution authorizing military intervention, also expressed regret that Western powers had chosen to get involved despite their advice.

In the Middle East, the abiding power of popular distrust of Western intervention was evident despite the March 12 Arab League decision. It was not clear how many Arab governments shared the hesitations voiced by Moussa, who has said that he plans to run for president in Egypt this year. But despite Western efforts to enlist Arab military forces, only the Western-oriented Persian Gulf emirate of Qatar has announced that it would participate in the campaign.

They were busy with a referendum Saturday on constitutional amendments designed to usher democracy into the country. Similarly, the provisional military-run government took no stand, and most Cairo newspapers gave only secondary space to the Libya conflict.

When the Arab League approved imposition of a no-fly zone, only Syria and Algeria opposed the decision, according to Egyptian officials. This was probably due in part to the difficulty for the al-Qaeda leadership to communicate without revealing its position.

Iran and its Shiite Muslim allies in the Lebanese organization Hezbollah, reflexively opposed to Western influence in the Middle East, also were forced into a somewhat equivocal position, condemning Gaddafi for his bloody tactics but opposing the Western military intervention. It brings us back to the days of occupation, colonization and partition. At the same time, Nasrallah accused Gaddafi of using the same brutal tactics against his opponents as Israel has against Hezbollah in Lebanon and Hamas in the Gaza Strip.

Ban praised the Arab League for its continued support, saying it was critical for the international community to remain united. Media reports have indicated that some Arab League members have been reconsidering their backing since coalition aircraft began bombing Libyan military targets.

Talks are under way for an emergency meeting of Arab League nations to discuss the situation in Libya, the Egyptian government-owned Middle East News Agency reported yesterday, citing Moussa as saying. Moussa said his remarks were misinterpreted. Ban also condemned violence in Yemen after press reports that 20 people were killed when the army clashed with Houthi rebels.

He also warned about spreading unrest in Bahrain. The secretary general was forced to drop plans to walk through Tahrir Square -- the scene of massive demonstrations last month that toppled President Hosni Mubarak -- before flying to Tunis.

To contact the reporters on this story: Flavia Krause-Jackson in Rome at fjackson bloomberg. To contact the editor responsible for this story: James Hertling at jhertling bloomberg. Barden at barden bloomberg. Over three weeks ago, the people of Libya took to the streets in protest against Colonel Gaddafi and his regime, asking for new rights and freedoms. There were hopeful signs that a better future awaited them, and that, like people elsewhere in the middle east and north Africa, they were taking their destiny into their own hands.

Far from meeting those aspirations, Colonel Gaddafi has responded by attacking his own people. He has brought the full might of armed forces to bear on them, backed up by mercenaries.

The world has watched as he has brutally crushed his own people. On 23 February, the UN Secretary-General cited the reported nature and scale of attacks on civilians as. The Secretary-General said later that more than 1, people had been killed and many more injured in Libya amid credible and consistent reports of arrests, detention and torture.

Over the weekend of 26 and 27 February, at Britain's instigation, the UN Security Council agreed resolution , which condemned Gaddafi's actions. It imposed a travel ban and asset freezes on those at the top of his regime. It demanded an end to the violence, access for international human rights monitors and the lifting of restrictions on the media.

Vitally, it referred the situation in Libya to the International Criminal Court so that its leaders should face the justice they deserve. In my statement to the House on 28 February, I set out the steps that we would take to implement those measures. Our consistent approach has been to isolate the Gaddafi regime, deprive it of money, shrink its power and ensure that anyone responsible for abuses in Libya will be held to account.

I also told the House that I believed contingency planning should be done for different scenarios, including involving military assets, and that that should include plans for a no-fly zone. Intervening in another country's affairs should not be undertaken save in quite exceptional circumstances. That is why we have always been clear that preparing for eventualities that might include the use of force-including a no-fly zone or other measures to stop humanitarian catastrophe-would require three steps and three tests to be met: First, on demonstrable need, Gaddafi's regime has ignored the demand of UN Security Council resolution that it stop the violence against the Libyan people.

His forces have attacked peaceful protesters, and are now preparing for a violent assault on a city, Benghazi, of 1 million people that has a history dating back 2, years. They have begun air strikes in anticipation of what we expect to be a brutal attack using air, land and sea forces. Gaddafi has publicly promised that every home will be searched and that there will be no mercy and no pity shown. If we want any sense of what that might mean we have only to look at what happened in Zawiyah, where tanks and heavy weaponry were used to smash through a heavily populated town with heavy loss of life.

We do not have to guess what happens when he has subdued a population. Human Rights Watch has catalogued the appalling human rights abuses that are being committed in Tripoli.

Now, the people of eastern Libya are faced with the same treatment. That is the demonstrable need. Secondly, on regional support, we said that there must be a clear wish from the people of Libya and the wider region for international action. It was the people of Libya, through their transitional national council, who were the first to call for protection from air attack through a no-fly zone. More recently, the Arab League has made the same demand.

It has been remarkable how Arab leaders have come forward and condemned the actions of Gaddafi's Government. A number of Arab nations have made it clear that they are willing to participate in enforcing the resolution. That support goes far beyond the Arab world. The third and essential condition was that there should be a clear legal base. That is why along with France, Lebanon and the United States we worked hard to draft appropriate language that could command the support of the international community.

Last night, the United Nations Security Council agreed that resolution. It authorises member states to take. Crucially, in paragraph 4, it.

The resolution both authorises and sets the limits of our action. Specifically, it excludes an occupation force of any form, on any part of Libyan territory. That was a clear agreement between all the sponsors of the resolution, including the UK, and of course, the Arab League. I absolutely believe that that is the right thing both to say and to do. As our ambassador to the United Nations said, the central purpose of this resolution is to end the violence, protect civilians, and allow the people of Libya to determine their own future, free from the brutality unleashed by the Gaddafi regime.

The Libyan population want the same rights and freedoms that people across the middle east and north Africa are demanding, and that are enshrined in the values of the United Nations 18 Mar Resolution puts the weight of the Security Council squarely behind the Libyan people in defence of those values.

Our aims are entirely encapsulated by that resolution. Demonstrable need, regional support and a clear legal base: Now that the UN Security Council has reached its decision, there is a responsibility on its members to respond. That is what Britain, with others, will now do. The Attorney-General has been consulted and the Government are satisfied that there is a clear and unequivocal legal basis for the deployment of UK forces and military assets. He advised Cabinet this morning, and his advice was read and discussed.

The Security Council has adopted resolution as a measure to maintain or restore international peace and security under chapter VII of the United Nations charter. The resolution specifically authorises notifying member states to use all necessary measures to enforce a no-fly zone and to protect civilians and civilian populated areas, including Benghazi. At Cabinet this morning, we agreed that the UK will play its part. Our forces will join an international operation to enforce the resolution if Gaddafi fails to comply with the demand that he end attacks on civilians.

The Defence Secretary and I have now instructed the Chief of the Defence Staff to work urgently with our allies to put in place the appropriate military measures to enforce the resolution, including a no-fly zone. I can tell the House that Britain will deploy Tornadoes and Typhoons as well as air-to-air refuelling and surveillance aircraft. Preparations to deploy those aircraft have already started and in the coming hours they will move to air bases from where they can start to take the necessary action.

The Government will table a substantive motion for debate next week, but I am sure that the House will accept that the situation requires us to move forward on the basis of the Security Council resolution immediately. I am sure that Members on both sides of the House call on Colonel Gaddafi to respond immediately to the will of the international community and cease the violence against his own people.

I spoke to President Obama last night and to President Sarkozy this morning. There will be a clear statement later today, setting out what we now expect from Colonel Gaddafi. We should never prepare to deploy British forces lightly or without careful thought. In this case, I believe that we have given extremely careful thought to the situation in hand.

It is absolutely right that we played a leading role on the UN Security Council to secure permission for the action, and that we now work with allies to ensure that that resolution is brought about. There will be many people in our country who will now want questions answered about what we are doing and how we will go about it.

I intend to answer all those questions in the hours and days ahead, and to work with our brave armed services to ensure that we do the right thing, for the people of Libya, for the people of our country and for the world as a whole. Edward Miliband Doncaster North Lab: I thank the Prime Minister for his statement. From this side of the House, we welcome last night's UN Security Council resolution and support Britain playing its full part in the international action that is planned.

The international community has shown clear resolve, and I applaud all the efforts that made this happen, including those of the Prime Minister and the British Government. As I have said since his statement two-and-a-half weeks ago, we support feasible and practical action to help the Libyan people, so, as befits the official Opposition, we will both support the Government and ask the necessary questions that we think the country will want asked.

It is important that the British people are clear about the purposes of the resolution and the basis for the commitment of British forces. Any decision to commit British armed forces is a grave and serious one, and it must be based on a clear and compelling case. In this case, it is based, as the Prime Minister said, on the clear evidence of Colonel Gaddafi brutalising his own people in response to the demand for democratic change. It is action backed in the region most importantly by the clear resolution of the Arab League, and it is backed now by a legal mandate from the United Nations.

So, the military action that is being embarked upon has broad support, a legal base and recognises our responsibility to protect the Libyan people. Those are necessary pre-conditions for legitimate and effective action, and it would be quite wrong, given what is happening in Libya, for us to stand by and do nothing. I want to ask some questions about the objectives of the mission, the military implications of it and the humanitarian context. First, we need to be clear about the purpose of the mission.

All of us will welcome the passage of last night's resolution to avoid the immediate slaughter of people in Benghazi. The whole world is aware of the urgency of the situation, given the avowed intentions of Colonel Gaddafi.

Can the Prime Minister reassure us that military action can be taken on a time scale that can make a real difference to the people in Benghazi? Beyond that, should, as we hope, the effect of last night's resolution be to stop the advance of the regime, the future of Libya remains uncertain. Will the Prime Minister therefore explain the Government's broader strategy for Libya's future, should we succeed in stopping Colonel Gaddafi's advance, given that last night's resolution is directed towards a specific aim of the protection of the Libyan people, rather than explicitly towards regime change?

In this House there is agreement that Libya's future would be far better served without Colonel Gaddafi in power. Does the Prime Minister therefore agree that a range of other measures should continue to be brought to bear on the Libyan regime to support the efforts of the Libyan people in order to undermine the support for Colonel Gaddafi?

We should be working now to sharpen the choice facing the Libyan military, including through action from the International Criminal Court, and to increase the pressure on other members of the regime. We should also be making explicit the risks for countries allowing their citizens to serve as mercenaries, and I believe the UN resolution does recognise that point.

We should also continue to make clear to the Libyan people the offer of a better life that lies beyond Colonel Gaddafi. May I urge the Prime Minister to ensure that discussions take place at the earliest stage with the Arab League, the European Union and others on a continuing basis for contingency planning for a stable and viable state beyond Colonel Gaddafi? May I also, in the broader context of the region, emphasise to the Prime Minister that we should continue to show the utmost vigilance about developments elsewhere, including in Bahrain, and that we should make clear the need for reform and restraint, not repression, throughout the region?

Secondly, let me ask about the military action itself. Will the Prime Minister reassure us that all steps are being taken to ensure that those participating in any military action reflect the broad base of support, including from the Arab League?

Does he agree that a continuing diplomatic effort will be required to ensure that that happens? Further, under the contingencies that have been prepared and subject to the operational limits on what the Prime Minister can say, how does he envisage the military chain of command operating? Thirdly, let me ask about the humanitarian situation in Libya. Will the Prime Minister take this opportunity to update the House on the continuing situation of British nationals in the light of the clearly changed circumstances that we now face?

We will have all noted with concern the decision of the Red Cross, prior to the resolution, to withdraw from Benghazi. Will the Prime Minister assure the House that efforts will be made to ensure continuing humanitarian access to Benghazi? What plans are being made to facilitate the return of humanitarian assistance? Finally, let me say to the Prime Minister that, at this time, Labour Members will give our full support to our armed forces. Once again, they are engaging in dangerous and courageous action on behalf of our country, and we salute their professionalism and bravery.

They are serving to uphold the will of the international community, including the United Nations, and in their service I believe they will have the support of the whole House.

I thank the right hon. Gentleman for his support and for the way in which he put that support in his questions. Let me try to answer all the questions he put. In terms of the time scale and potential military action, the issue is this: But, if that does not happen, then, yes, consequences and "all necessary measures", as the Security Council resolution puts it, will follow; and we are able to do that on a time scale that I believe will be effective.

In terms of our broader strategy, what we believe we need in Libya is a transition towards a more open society and towards a better democracy, but we have to be clear about our aims. The UN Security Council resolution is absolutely clear that this is about saving lives and about protecting people.

It is not about choosing the Government of Libya; that is an issue for the Libyan people. Mercenaries are included in the UN Security Council resolution, which is welcome.

Gentleman's point about the International Criminal Court was covered by the earlier resolution, which of course is still in force. In terms of consultations with the Arab League and with Arab countries, there will be a meeting in Paris tomorrow, which President Sarkozy has called. I will attend, and there will also be representatives from across the Arab world to bring together the coalition to help to achieve the goals that the UN Security Council has so rightly voted for.

Gentleman says that we must be vigilant elsewhere with all the challenging problems in our world today, and he mentioned Bahrain. That is absolutely right, and the Government are keeping their travel advice and their work helping British nationals in Bahrain, Yemen and elsewhere permanently under review, meeting regularly to try to make sure that we do everything we can to help people as necessary.

In terms of Arab League participation, what we seek is the active participation of some Arab League countries. I believe that we will get that, and from the calls that I have made I have had some reassurances. In terms of the military chain of command, to be clear, to begin with this is going to be a joint operation, if necessary, carried out by Britain, America and France, with Arab and other participation, and it will be co-ordinated in that way. In terms of British nationals, as we have announced before in the House, almost all those who want to leave have left.

There are some who remain. We have our relationship with the Turkish embassy, which is working with us and for us in Tripoli, and we also have an active consular figure in Benghazi.

But obviously, part of the aim of what we are trying to do-to stop Gaddafi entering Benghazi-will be in the interest of those British nationals in Benghazi. Gentleman asked about humanitarian aid. Clearly, a very big aim of the UN Security Council is to make sure humanitarian aid can get through. Above all, as the right hon. Gentleman said, any decision to put the men and women of our armed forces into harm's way should be taken only when absolutely necessary, but I believe, as he said, that we cannot stand back and let a dictator whose people have rejected him kill his people indiscriminately.

To do so would send a chilling signal to others. I believe also that we should be clear about where our interests lie. In this country, in particular, we know what Colonel Gaddafi is capable of, and we should not forget his support for the biggest terrorist atrocity on British soil.

We simply cannot have a situation where a failed pariah state festers on Europe's southern border, and that is why we are backing today our words with action. Sir Malcolm Rifkind Kensington Con: May I congratulate the Prime Minister on the superb leadership that he and the Foreign Secretary have given both at home and at the United Nations in securing this resolution, without which the people of Benghazi and of Libya would face a humanitarian disaster?

Will the Prime Minister confirm that the UN resolution, which, as he has indicated, refers to. I thank my right hon. It is vital that we have now got this UN Security Council resolution, and that we make very clear the ultimatum to Colonel Gaddafi so that we secure that ceasefire and stop his operations. Paragraph 4 refers, crucially, to "all necessary measures" to protect people-"to protect civilians"-and, indeed, specifically mentions Benghazi. The Attorney-General's advice, which we may discuss in more detail later, makes it very clear that that means we can take measures that will help those things to be achieved.

It is very important for us to understand that. I congratulate the Prime Minister and those in the Foreign Office, including our excellent diplomats at the United Nations, on the work that they have done in securing the chapter VII resolution. The French Government should also be given a great deal of credit, because they too have worked very hard on this.

Will the Prime Minister clarify the role of the African Union, which is referred to in the resolution, as well as that of the Arab League? Given that three African states, including South Africa, voted for the resolution, is there any possibility of the African Union using its good offices to try to find a way of getting Gaddafi out of power without the conflict going on for a very long time?

Gentleman makes an extremely good point about the leadership role taken by Nicolas Sarkozy and the French. I absolutely pay tribute to our ambassador, Mark Lyall Grant, and his team, who did a superb job in marshalling support. Members in all parts of the House will see, when they read the resolution, that it is very, very strong and extremely comprehensive, and I hope that it marks a new start in what the UN will be able to achieve.

We very much hope that the African Union will use its good offices in the way that the hon. African Union missions are still going to Libya, and we think that they will be enormously influential. I was particularly pleased that the three African members voted for the resolution, and I hope that that is a sign of things to come. Richard Ottaway Croydon South Con: As one of the doubting Thomases of the past few weeks, I congratulate the Prime Minister on his success and leadership and offer him my full support.

I also join him in paying tribute to Sir Mark Lyall Grant and his team at the UN for what is a remarkable diplomatic success, which hopefully will mark a turning point in the development of these issues at the UN.

I am sure the Prime Minister agrees that difficult questions remain. At this moment, however, it is incumbent on all of us to stand behind the armed forces, particularly our airmen, who have to implement the resolution. Friend is entirely right. Of course there are difficult questions. We are embarked on a difficult course, not least because we have set a limit on that course and have said, quite rightly, that this is not about an army of occupation.

I think it important for us all to understand that that is a correct limit, and a limit that people across the Arab world want to hear. I very much echo what my hon. Friend said about Mark Lyall Grant, but above all our thoughts-the thoughts of everyone in the House and, I am sure, everyone in our country-will be with those armed forces and their families who will be preparing, potentially, for difficult days ahead.

The Government and the armed forces have our full support in this matter. The Prime Minister mentioned three criteria for determining the appropriateness of intervention, but surely there is another factor: In the light of developments in the middle east in recent weeks, will the Prime Minister and his colleagues have another look at the strategic defence and security review to establish whether our country will continue to have those assets in future?

Of course I look very carefully at every decision that we make in defence, and I see it as a personal priority for me as Prime Minister. I would say to colleagues, however, that even at the end of this defence review and the end of this Parliament, we will have the fourth largest defence budget anywhere in the world.

We have superbly equipped armed forces, and many of the decisions that we made in the defence review were intended to ensure that they had flexibility: I should also point out that the Typhoons that we are considering using are not in any way involved in Afghanistan. I have been given assurances by the Chief of the Defence Staff that our planning for what may be necessary in Libya does not affect the efforts that we are making in Afghanistan with our allies to bring greater security to that country.

Yet again, my right hon. Friend has shown a breathtaking degree of courage and leadership. I support what he has said and what he has done. Does he agree that, while regime change is not the aim of these resolutions, in practice there is little realistic chance of achieving their aims without regime change? Friend puts it extremely well. The aim is clear: It is the protection of lives and the protection of people.

It is the prevention of a bloodbath in Benghazi. It is to make sure that arms do not get to Libya, that assets are frozen and that travel bans are imposed. It is all those things. Those are the aims, and they are what we must now pursue. Of course, like many other leaders the world over, we have all said that Gaddafi needs to go in order for Libya to have a peaceful, successful and democratic future, and that remains the case.

It is almost impossible to envisage a future for Libya that includes him. But we should be very clear, in the international alliance that we are building, that the statements in the UN Security Council resolution are our aims. Those are the things that, on behalf of the rest of the world, we are helping, with others, to deliver. Jeremy Corbyn Islington North Lab: Abuses of human rights and the oppression of civilians are not unique to Libya.

They may differ in degree, but they are not unique. Is the Prime Minister now suggesting that we should develop a foreign policy that would be prepared to countenance intervention in other countries where there are attacks on civilians, such as Saudi Arabia, Yemen, Oman or Bahrain?

I hope that he has thought this whole thing through, because we may well be involved in a civil war in Libya for some time to come. I sometimes want to meet that argument with the answer that the fact that you cannot do the right thing everywhere does not mean that you should not do the right thing somewhere.

A more detailed answer, however, is that what is happening in Libya is different. The situation is that of a people rising up against their leaders and wanting a more democratic future, and then us watching as, potentially, those people are destroyed by that dictator. As I have said, I think that what we see coming together here is Britain acting with others in favour of international law and international governance and the UN and all that is right and fair and decent in our world, yet, at the same time, I believe, very much acting in our national interest, because it is not in our national interest for this man to lead a pariah state on the southern banks of Europe with all the problems that that could entail.

So I hope that, not just across the world but across this country, we shall be able to build the broadest coalition for support for the action we are taking, encompassing all those who care about the UN and international law and what is good and right in our world, but who also recognise that a hard-headed assessment of British national interest means that we should not stand aside from this.

I welcome the Prime Minister's statement and last night's United Nations resolution. I think it is absolutely right for the international community to take urgent action to protect civilians in Libya.

Will the Prime Minister please assure me that our intelligence assets in the region are doing all that they can to monitor the activities of, and communication between, senior regime leaders and commanders, with a view to ensuring that we can prosecute them to the fullest extent of international law?

Gentleman knows-we never comment on security and intelligence matters in the House. However, his point about the International Criminal Court and the need to be clear about the fact that, as I have said, international law 18 Mar Column should have a long arm, a long reach and a long memory and that we should gather evidence for that, is absolutely right. Given the unpredictability of the outcomes in Libya and the middle east, and given that all actions have consequences, how can the Prime Minister be so sure that, as a consequence of what we are doing, a complex and dangerous situation will not simply be made worse?

Lady asks a very important question. It seems to me that we have to look at the consequences of doing nothing-the slaughter that could ensue, the oppression of these people we see so clearly on our television screens-and then ask what are the consequences of action. What is so convincing in this case is that the Arab League countries and Arab populations are, I believe, willing the international community on. I think that the opinion on the Arab street is very much that it is good that the international community is coming together and showing that it cares about our democracy and not just your security.

I think that we can win that argument, but we will have to go on making it with Arab leaders and Arab populations, and making sure that we communicate with them very strongly why we are doing this and why it is the right thing. Nicholas Soames Mid Sussex Con: I join others in congratulating the Prime Minister, the Foreign Secretary and all the others who have been involved in securing this very tough resolution, and indeed the building of a broad-based coalition to deal with Gaddafi.

Does the Prime Minister agree, however, that in the weeks to come it will be important for the country to know that at the same time as trying to deal with Gaddafi, the Government are also intent on forging ahead, with our European partners, in keeping the middle east peace process revitalised and going, so that we can draw the poison from the well? Friend makes an extremely good point. A Palestinian leader once said to me, "If you really want to secure the long-term defeat of al-Qaeda, there must be a combination of more democracy and freedom across north Africa and the middle east and a solution to the Israel-Palestine problem.

As someone who has argued all along that any military action should be based on a resolution of the United Nations Security Council, I accept that the situation today is different than it was yesterday and previously.

Nevertheless, despite all that the Prime Minister has said about reservations, no ground troops and so forth, does he recognise that in the country at large there is bound to be great anxiety that we could be dragged, through escalation, into a third war in nine years? Therefore, will the Prime Minister make sure that there are daily-or at least very regular-reports to the House of Commons, so we avoid a third war? Gentleman puts the point extremely well. I agree that there should be regular statements updating the House.

We should start with a 18 Mar Column debate on Monday on a substantive motion, so that Members can debate that, and propose amendments if they want. We will be putting down that substantive motion later today, so that colleagues can have a look at it. On taking the country with us, the hon. Gentleman's point about legality is vital. We have a legal basis here-the UN, the world's governing body, coming together and making that clear-and we need to explain that what we are doing is legal, proportionate and right.

But I also believe that, as I said a moment ago, to take people with us we have to make the arguments both that it is wrong to stand aside as this dictator massacres his own people and it is in our interests to act, and also that it is in our national interest, because we do not want this pariah state on our borders.

The point the hon. Gentleman makes about no ground troops and no occupying force is vital. That is in the UN Security Council resolution; it is the reassurance that we can give to people that that is not part of our aims-it is not want the UN wants, it is not what the Arab League wants, it is not what Britain wants.

That is clearly a limitation on our ability to act, but it is absolutely right, and I think people will be reassured by it. Mr Christopher Chope Christchurch Con: May I also commend my right hon. Friend on his decisive leadership? Why does he think Germany abstained on this resolution, and is Germany going to be interfering in preventing us from recognising the regime in Benghazi?

I thank my hon. Friend very much for his support. On the German attitude, to be fair to the German Chancellor, whom I spoke to last night, she has been consistently sceptical about this issue. I do not believe that Germany will in any way be destructive within NATO, because it recognises that the UN has voted for this resolution, on which the Germans, of course, abstained.

It is for them to explain their scepticism. Of course arguments can always be made about, "If we are acting here, why not elsewhere? Joan Ruddock Lewisham, Deptford Lab: I hope the Prime Minister will join me in also congratulating President Obama, who by his cautious deliberations has allowed the Arab states to come to the fore, and, unlike his predecessor, has shown proper respect for the United Nations, thus giving a major boost to the rule of international law.

Lady makes an extremely good point and is absolutely right. I had a very good conversation with President Obama last night, and I think he has shown great leadership on the UN and what is proposed in the new resolution, and on being able to bring together its various elements. Lady is right that allowing the Arab League the space and time to come forward and make its own views clear has helped to create a sense of consensus at the UN, where we have the ability to act.

But the clock is now ticking, and we now need a sense of urgency, 18 Mar Column because we do not want to see a bloodbath in Benghazi, and further repression and taking of innocent civilian life in Libya. I join my right hon. Friends in congratulating my right hon. Friend the Prime Minister on his brilliant success at the United Nations, which is a vindication of the credibility of British foreign policy.

Can he say more about the strategic objective, which, as Lord Dannatt and others have clearly stated, must be extremely clear? Friend is committed to regime change, but are our allies, and in particular President Obama, committed to regime change? The answer I give my hon. Friend is that almost every leader in the free world has said Gaddafi needs to go-that his regime is illegitimate and there is no future for Libya with him in charge-but we must be clear about the aim of what we are now involved in.

The aim is to put in place the UN Security Council resolution, which is about protecting people's lives and about the steps we are prepared to take to isolate the regime and give that country the chance of a better future. We must restrict ourselves to that aim in meeting this UN Security Council resolution.

Obviously, we have a desire, which I and others have expressed, that Gaddafi has no future, but our aim here must be clear, and that is how we must drive this alliance forward. Now that the UN has reasserted its authority with this resolution, it is important that Gaddafi is in no doubt that there is an overwhelming military force to carry it out. In that light, how many countries does the Prime Minister wish to provide military assets, and how many of them come from the Arab League?

Gentleman makes a good point. Obviously, we want the widest alliance possible. I do not think it would be right for me to name at the Dispatch Box those countries that are considering participation, but there is a wide number.

Clearly, at the heart of this are the Americans, the French and the British, but other European countries are coming forward, and there are also some in the Arab League, including a number I have spoken to, who have talked about active participation-about playing a part in this.

One of the purposes of the meeting tomorrow in Paris will be to bring together the widest possible coalition of those who want to support it, and I believe, particularly as this has such strong UN backing, that it will be a very wide coalition indeed.

Bob Stewart Beckenham Con: Speaking as someone who has watched well-armed Bosnian Serb units smash through civilian populations, may I ask my right hon. Friend the Prime Minister whether Security Council resolution allows us, under its provision on "all necessary measures", to avoid the arms embargo and directly arm the people who are fighting against Gaddafi in Benghazi and elsewhere? The first point I would make to my hon. Friend is how welcome it was that Bosnia was sitting on the Security Council and able to vote in favour of this resolution-for good historical reasons.

Column The resolution helps to enforce the arms embargo, and our legal understanding is that that arms embargo applies to the whole of Libya. Paragraph 4 authorises member states. That is very strong language, which allows states to take a number of military steps to protect people and harm those who are intending to damage civilians. It could not be clearer, and the legal advice is clear. Let me make this point as well: Mr David Lammy Tottenham Lab: Given that the Gaddafi forces are advancing, what assessment has the Prime Minister made of civilian casualties and what discussions has he had on any post-conflict reconstruction, learning the lessons of Iraq?

Gentleman makes an extremely good point. It is clear that there have been widespread civilian casualties, and I quoted some figures in my statement.

It is also clear that if Gaddafi goes into Benghazi the situation could get radically worse, which is why, as I have said, the clock is ticking-the time for action is now. In terms of reconstruction and humanitarian aid, my right hon. Friend the International Development Secretary will be leading a cross-government group to make sure we do everything we can to bring all our resources to bear-we have considerable resources in this area-working with others to make sure that we get humanitarian aid to every part of that country and that we plan for the future.

Tony Baldry Banbury Con: One of the factors that caused Gaddafi to abandon his programme of weapons of mass destruction in the s was that he knew he was on the verge of being indicted for war crimes by the UN Special Court for Sierra Leone, so he well understands both the power and the reach of international criminal law.

Will my right hon. Friend try to ensure that the International Criminal Court makes it very clear that it is not only Gaddafi who stands at risk of being indicted by the ICC, but all those around him who are most responsible for war crimes and crimes against humanity? Friend makes an extremely good point, and we are making sure not only that Gaddafi and his immediate colleagues know they are in danger of going in front of the ICC, but that all those who choose to back the regime and carry out war crimes know that they are also in that danger.

In addition, anyone who thinks of being a mercenary, of organising mercenaries or of organising arms shipments to that regime are covered in the same way. Communicating that message in all the ways that we can is vitally important work. I support the freedom struggle of the Libyan people and I am a supporter of the United Nations, but I have grave concerns about the use of force by western powers in this region, and both the short-term and long-term consequences.

It therefore behoves us to ask the question: In the short-term, in the interests of conflict resolution, is there to be a final offer from the United Nations to Gaddafi for peace talks? If armed conflict goes ahead, what measures are being put in place to ensure the safety of civilians?

In particular, may I urge the Prime Minister that there should be no use of depleted uranium weapons, which have damaged the long-term safety of the civilians in Iraq? Given the change of regimes that has taken place in this region, given what is happening in Bahrain and given the continued oppression of the Palestinian people, may I urge him to go to the United Nations and say that now is the opportune time to re-establish a middle eastern conference that looks at the long-term security and peace of this region?

I thank the hon. Gentleman for his question. What the UN is suggesting is very clear. The point that I would make to the hon.

Gentleman does need to think about this, because although there should, of course, be all sorts of things holding you back before you take action, and there are all the questions you should ask, when there is this degree of international backing, and if Gaddafi will not stop the brutalising of civilians, there is a complete legitimisation of taking action to protect those civilians.

May I, too, congratulate the Prime Minister on his spectacularly successful leadership and the amazing turnaround that he has achieved? Will he tell the House a little more about the discussions he is having with members of the Arab League about the role that they may be able to play in supporting this resolution? The encouraging thing is, first, that the Arab League came forward so clearly and asked for a no-fly zone.

The contact I had, including on my trip to the Gulf, was that so many were so clear that Gaddafi was illegitimate and that what he was doing was wrong. There was a genuine sense of outrage at what he was doing. The key now is to try to encourage the Arab League and its members, and not just in those 18 Mar Column words and great sentiments: That is extremely important and we should do everything we can to secure it.

Richard Burden Birmingham, Northfield Lab: Ma che è sta storia?!! E poi è nessuno ha detto niente.. Un'altra dimostrazione di quanto non capiscono nulla le persone che ci governano!!

Credo che occorra andare oltre il disappunto e la rabbia e porre in evidenza gli interessi e gli sponsor che stanno dietro Zidane e che hanno agito al fine di salvarlo come uomo immagine e positiva.

Quali sono gli Sponsor di Zidane? Evidenziamoli e diciamo che ogni volta che compriamo un prodotto di aziende che sponsorizzano Zidane, contribuiamo a rafforzare la violenza nel calcio!

A molti non è ancora chiaro come la politica degli Sponsor sia quella di utilizzare Zidane in futuro, una volta uscito dal calcio: Ma possiamo colpire Zidane agendo sugli Sponsor: Oltre alla denuncia, abbiamo in mano solo una semplice arma: Vuoi vedere che gli sponsor di Zidane, Platini e Blatter siano gli stessi? Disponibile alla battaglia, porgo un cordiale saluto Aldo Sca.

Dommage iolanda cosa si fara in francia sensa di te bel esempio per fortuna que tutti non la pensano come te Ma fai oppure a me mi va benissimo. Il comportamento della Fifa mi ha disgustata.

Non ho parole per definirlo come merita. Vivo a Basilea, al confine con la Francia. Finora ho parlato la loro lingua, ho ascoltato la radio, ho guardato la lo TV. Ma da due settimane ho smesso. Ho cominciato a boicottare tutto quello che è francese, non solo gli sponsor del campione-ariete.

Nel mio piccolo ho ho dichiarato una guerra di protesta alla Grande Gueule. A prescindere dalla mancanza di stile francese, dall'atteggiamento viscido e vigliacco di quell'essere mediocre di Blatter il cognome di per sè aiuta a farsi un'idea dell'aspetto qualitativo del personaggio , e mostrando tutta la mia solidarietà per Materazzi, devo dire onestamente che tutto questo polverone sollevato e le ridicole azioni per infastidirci, la premiazione a Zidane, la squalifica di Materazzi , dimostrano come i francesi fossero convinti di riportare a casa il trofeo e di come l'insuccesso abbia fatto veramente male!!

Cosa si prova a perdere ai rigori una finale?? Be adesso lo sanno ed io GODO!! Tutti sanno che Zidane ha giocato la sua ultima partita in nazionale: Ma poi questa squalifica con multa a carico dei giocatori ha qualche precedente? O è un'ulteriore presa per il culo?

La sentenza si rivela dunque ingiusta e le pene sproporzionate rispetto alla colpa. Anche qualora si fosse voluto con questo atto educare il calcio, mi chiedo come mai quando Totti ha sputato non si sia fatta la stessa cosa. Ma dove andremo a finire??? Nonostante tutto i nostri Ragazzi sono stati più forti di tutti, forse non ci hanno regalato un gran gioco, ma ci hanno lasciato delle emozioni indimenticabili, ci hanno regalato vittorie agli ultimi minuti e ai rigori,le più belle, al contrario di quanto eravamo abituati a vedere da troppo tempo ormai.

Tutto il mondo ha visto il gesto di zidane: Mi piacerebbe sapere in cosa consisterà il suo "lavoro sociale". Forse demolire a testate edifici pericolanti. Mica per il gusto della testata, ma perchè lui si becca due giornate di squalifica.

Un conto è la diplomazia, un conto è subire e stare zitti. Ma se non lo difende lui Materazzi, chi lo deve difendere! Se non contiamo nulla a livello internazionale un motivo c'è! La mafia siamo noi giusto? Ci hanno accusato di essere mafiosi perchè siamo arrivati in finale!!!!

E ora che abbiamo vinto la finale cercano in tutti i modi di rovinarci la festa Quella coppa doveva darcela un certo Signor Blatter o per lo meno doveva essere presente alla festa sul campo Oggi si viene a sapere che Zidane nn ha fatto niente di male considerate le giornate Speriamo che qualche giudice metta il becco nel calcio a livello nternazionale, perchè é ora che certi personaggi come Blatter vengano estromessi. I mafiosi son loro.

Questa è l'ennesima dimostrazione di quanto poco contiamo a livello internazionale come federazione caso scoppiato già con Moreno e di quanto siamo abituati all'autoflagellazione stile Fantozzi: Bastava dire a De Rossi di dare una testata all'americano invece che una sgomitata e avrebbe giocato anche la semifinale.

In Italia alla fine Moggi è stato giustamente messo alla corda e perchè Blatter e Platini in Europa fanno quello che vogliono?? Ho l'impressione che il mondo mi stia scivolando dalle mani. Non capisco più niente! Ricordate lo sputo di Totti? Il capitano giallorosso venne condannato da tutta la stampa italiana e internazionale e da tutto il paese inesorabilmente e forse giustamente. Blatter si vergogni per questo e per la mancata presenza alla premiazione degli azzurri. Vi sembra giusto che a Zidane abbiano dato 3 turni di squalifica e a materazzi 2?

Ma dove siamo finiti? Sembra quasi che il peggiore sia Materazzi!!!! Si pare essere proprio l'ultimo vergognoso atto di una vicenda che si è rivelata scandalosa gia dalle prime battute.

Oggi 20 luglio la fifa ha si è scoperta dimostrandosi a tutto il mondo per quello che è: Oggi 20 luglio anche il calcio internazionale è definitivamente morto, perchè oggi è morto lo spirito stesso sul quale fonda le basi il gioco più bello del mondo, lo spirito di amicizia, di gioco, di fratellanza è stato seppellito sotto un cumulo di cattiveria ed egoismo dinanzi agli occhi del mondo intero gia provato da uno scandalo tutto italiano e finito alla schiena da uno internazionale.

Oggi la fifa, e blatter l'aveva anticipato alla finale ha insegnato a grandi e, soprattutto, a piccini della terra che vedono lo sport come un gioco, che la guerra esiste ed è una realtà in Iraq, in Iran, per israele, in sud africa e su di un campo di calcio dove la verità è che non importa partecipare e divertirsi. Due giornate a Materazzi? Per aver detto tua sorella Ma ragazzi, la FIFA è un'associazione "sui generis", 3 giornate per una testata e 2 per un insulto!

Tra l'altro tra persone che giocano a calcio da quando avevano 6 anni! Mi pare tutto semplice: Ci avesse pensato prima Totti agli europei.. Se avessimo avuto il dubbio ce l'ha tolto il comportamento del buon Blatter che è restato chiuso negli spogliatoi a piangere con Zizou. Che dire ancora, la FiFA dovrebbe aprire un inchiesta su se stessa.

Come lobby di stra-potere ridicolizza un sistema come quello messo su dal buon Moggi. Il problema è sempre quello: Le squadre che ospitano i mondiali scortate fino alle semifinali vedi la Corea , i mondiali tra le dittature vedi Argentina 78 etc.. Altro che Materazzi Zizou.

Presto faranno anche il mondiale in Cina. La faranno arrivare in finale venderanno molti palloni, un mercato enorme Perchè gl arbitri non danno cornate?? Forse che "cornuto" non è un offesa??! L'esempio che si vorrebbe dare è che se insultati a parole, indipendentemente se quello che si dice è vero o falso, è giustificato reagire con la violenza fisica. Al posto di Materazzi farei causa al Fran Per il francese anche un ammenda di 7. La Fifa ha anche sottolineato che gli insulti del difensore azzurro contro il francese non avevano sfondo razzista.

Ho sempre perso le staffe ed il calcio mi ha sempre permesso di farlo rimanendo impunito; oggi mi trovo addirittura ad essere quasi un eroe nazionale Ma, se questi italiani - in Francia e' cosa risaputa - sono dei buoni a nulla come hanno fatto a batterci anche a calcio? Caro Beppe, sono convinto che una sconfitta da parte dell'Italia, sia la cosa più crudele che si potesse infliggere a quei galli del cavolo. Non sanno più cosa fare pur di vincere o far vincere chi dicono loro.

Prendiamo per esempio il Tour de France, abbiamo il più grande corridore italian IVAN BASSO e loro per paura che vinca in casa loro vanno a prendere la storia del doping Il medico inquisito aveva un paziente che si chiamava Birillo come il cane di Ivan due anni prima avevano rifiutato di far partecipare il campione del mondo Cipollini.

Sono veramente vergognosi, non hanno il senso della sportività. Adesso si attaccano alle frasi offensive che Matrix avrebbe detto a quel psudouomo di Zidane. Ma attaccatevi al c In una partita di calcio, le mamme e le sorelle dei giocatori sono tirate in ballo più che il pallone stesso quindi se il sig. Zidane ha perso le staffe è perchè forse non ha un carattere forte i precedenti insegnano La cosa peggiore di tutta questa faccenda la vediamo sotto i nostri occhi. Tutti premurosi di chiedere scusa ai francesi a partire da quella mummia di Cossiga.

Ma scusa de che???? Ci rendiamo conto che è finito il tempo del servilismo e grazie a Dio noi dei francesi possiamo anche farne a meno?? Non ha avuto il coraggio di uscire e premiare la squadra campione del mondo solo perchè non di suo gradimento. Ma ci rendiamo conto di che animale sia questo schifoso? La cosa importante,in fondo, è quella di essere riusciti a far star zitti gente come platini, Beckembauer e compgnia bella, tutta gente che avrà avuto dei trascorsi grandiosi nel calcio ma come molte volte accade troppe palle prese di testa rincoglioniscono anche il migliore dei geni.

Abbiamo battuto gli USA, i Tedeswchi ed infine i Francesi; questo dimostra che è giunto il momento di camminare da soli e mandare tutti gli alleati a quel paese. Grazie e buona giornata a tutti. Il commento e' semplice Se Materazzi si e' comportato male in passato, cosa c'entra con Zidane che gli da' una testata che puo' uccidere per rottura dello sterno e blocco cardiaco, e' gia' risuccesso non e' fantascienza.

Materazzi e' stato punito per quello che ha fatto in passato ma in questo caso il fallo l'ha fatto Zidane. Misembra che ti sei dimenticata un fatto un tantino fondamentale. Sarebbe ora che si scrollassere anche dalla dipendenza americana,stando fuori dalle beghe e dichiarandosi,finalmente e non sarebbe troppo tardi,neutrale. Che i nostri governanti tirassero fuori le p La cosa più brutta in tutta questa storia e che come al solito le scuse le abbiamo fatte noi mentre dalla Francia non si è ancora fatto sentire nessuno.

Ermanno Bazzinori, mi stavo chiedendo carissimo Beppe, se per caso potresti avere bisogno di un uomo capace di gestirti questo forum come si deve. Ma quale miglior giocatore del mondiale, zidane non è la prima volta che si comporta da stronzo, da borioso e rissoso francese Oggi si fa presto a dire di parlare bene dell'Italia prima del mondiale quando tutti davano per favorite Brasile la più forte individualmente , Argentina e Germania giocava in casa.

Sono arrivate in finale due "outsiders". Quando vinci e non te lo aspetti è ancora più bello! Zidane aveva la possibilità di recuperare la dignità, chiedendo scusa a tutti per il gesto, dicendo di avere sbagliato, di essersi innervosito, ecc Invece stanno dando il concorso di colpa a Materazzi per "giustificare" la reazione di Zidane e "giustificare" di conseguenza il premio consegnato al francese come miglior giocatore devono dargli le giornate di squalifica, anche se ha chiuso la carriera De Rossi 4 giornate per la sgomitata e Zidane??..

Lo stesso Blatter dopo la rissa tra Germania e Argentina ha dichiarato alla Bbc: Nel calcio si impara a vincere, ma bisogna imparare anche a perdere". Sarebbe ora che anche la Francia imparasse a perdere. A parte il fatto che non sento piu' nessuno tifare per il Ghana, Brasile e compagnia briscola, come mai?

Due parole su Materazzi e Zidane: Ed e' qui che sta il vero scandalo. Anche Zidane, comunque, ha blaterato qualcosa, andiamo un po' ad esaminare il video anche per lui, povera verginella. Il migliore e' stato Domenech che pretendeva che non fosse successo nulla dopo che avevano visto in quasi due miliardi di persone Per il signore che deplora il calcio: Tra tante proteste anche inutili ogni tanto una festicciola ci sta anche bene.

E lei e' sempre libero di andare in barca a vela o a giocare a golf Evviva l'Italia, evviva Lippi, evviva i nostri ragazzi. Campioni del mondo, quattro volte!!!

Adesso sotto con gli europei!!! Viva Materazzi e se Zouzourro nun ciaveva le corna, nun c'erano capocciate. Il calcio è il nuovo e vero oppio dei Popoli, sperando che ci sia presto una crisi di vocazioni anche per questa "religione" faccio notare che tiene più banco la notizia della divergenza di opinioni frà Zizu e Materazzi fra l'altro mio compaesano che il disastro in Libano o lo zunami a Giava Dal tuo commento si vede che non ti piace il calcio, ma questo non ti autorizza a criticare le persone che sono scese in piazza per festeggiare.

Secondo me il calcio è uno sport bellissimo a prescindere dallo scandalo che è successo e festeggiare tutti insieme è anche un modo per dimenticare per un attimo i tanti problemi del nostro paese. Non me ne frega un cazzo del calcio Non me ne frega un cazzo dei calciatori Non me ne frega un cazzo della vicenda Zidane. Non credo affatto che la vittoria degli azzurri risollevi le sorti di questa enorme zattera galleggiante che è l'Italia. Al contrario, m'incazzo per le scene post-mondiali.

A cominciare dalla festa a Roma. Ma cosa cazzo c'è da festeggiare? Un milione di persone alzano il culo dal divano per questa enorme buffonata e non lo alzano per rivendicare i propri diritti?? Non capite il paradosso? Nel giorno della festa, io mi sento ancora più merda perchè anche io appartengo a questa popolazione italiana di pecoroni, mio malgrado.

Forse il più pecorone di tutti sei tu intruppato nelle tue idee di estrema sinistra. Ricordati che dove è passato il comunismo ha lasciato solo morti e miseria. Non ha idea di quansto sia d'accordo con lei! E' dal momento della "vittoria" che soffro come un disperato. Da cittadino consapevole sono convinto che l'Italia avrebbe avuto tutto da guadagnare da una mancata vittoria a questa superidiozia che e' il calcio e il relativo mondiale.

Siamo campioni del mondo e sicuramente non dobbiamo ringraziare te e il tuo blog!!! Zidane aveva la possibilità di rifarsi una dignità, chiedendo scusa a tutti per il gesto, dicendo di avere sbagliato, di essersi innervosito, ecc La nazionale azzurra dovrebbe rifiutare di mettere da ora in poi quelle ridicole magliette sul fairplay a inizio gara,tanto care a Blatter.

Oppure riscriviamo il vocabolario,con la definizione: Bisogna smetterla di parlare di quello che ha detto materazzi e cominciare a parlare di quello che ha fatto zidane. Inacettabile che inoltre abbia ricevuto il pallone d'oro. Un gesto di quel tipo è più anti sportivo di qualsiaisi insulto. E tutte queste polemiche contro materazzi possono avere il solo e unico risulato di giustificare l'azione di zidane e giustificare future situazioni future.

Infine volgio pregare la fifa che non venga a seguire una partita tra amici oppure in una categoria minore perchè potrebbe espellere intere squadre Siamo Campioni del Mondoooo!! Cannavaro dopatissimo e pupazzo di Moggi, Buffon malato di scommettismo, Sederova stagli più vicino Totti non pensare troppo a Ilary,De rossi Bruce Lee è morto da tempo. Ma Fin che la barca va lasciala andare Dedicato a Zinedine Zidane Invece del pallone d'oro si sono sbagliati, ti dovevano dare il "coglione D'oro!

Ho sentito alla radio che sei stato espulso 14 volte nella tua carriera. Hai concluso la tua carriera alla grande! Proprio come un pollo! Qualcuno lo ha più sentito? Il silenzio parla da se! Io parlo a questi italiani che rompono solo i coglioni a tutto e a tutti purchè facciano vedere i difetti che aimè abbiamo a tutti e continuano a esaltare quello che c'è fuori confine. Grillo aveva invitato a cena i bravi e puri giocatori del Ghana, che giocavano nella juventus o nel Chelsea!!!!!!!

Oltre a essere poco informato Apphia che doveva essere suo ospite a cena lo sa che stava bene con la maglia bianconera dovrebbe evitare di cadere nei luoghi comuni tipo noi Italiani facciamo sempre tutto male, quanto sono bravi gli altyri. Caro Grillo ti avrei voluto vedere nella tua bella casa, con il tuo plasma a saltare sul divano al rigore di Grosso, a urlare insulti che non si possono dire contro Zidane L'italia ha vinto il mondiale, il calcio italiano fa vomitare ed è da chiudere, tu hai perso, caro Grillo, una buona occasione per stare zitto Mi fai un po' ridere Beppe, fino dalla prima partita contro il Ghana hai dimostrato il tuo "odio" per la maglia azzurra e adesso vuoi sembrare il fan più accanito dell'italia mondiale Un po' di coerenza suvvia Ho letto un po di commenti Be' che dire sulla vicenda..

Molti di voi giocano a calcio? Non bisogna fare troppo i moralisti, in campo se ne dicono e se ne fanno di tutti i colori.. Non dimenticherei il famoso e brutto gesto di Totti [ lo sputo] che trovo', a suo tempo, la giusta punizione ricordo che ebbi vergogna per quel gesto!! Secondo me è stato un buon segno che tutta l'Italia non apprezzo' il gesto e che non ci fu solidarietà verso il giocatore romano.

Mentre provo quasi vergogna per i francesi prima di tutto Chirac che hanno accolto il loro campione senza dire niente e, anzi, ringraziandolo!! Spero che l'opinione pubblica francese non sia tutta d'accordo con Chirac.. Zidane ha sbagliato e non doveva fare quel gesto.. Forse un'altra dimostrazione di quanto i grandi pubblici possano ancora essere influenzati e di come viviamo ancora in una europa troppo nazionalista!! Ho giocato a pallone per una vita e sul campo di calcio si danno e si prendono.

Ci si offende a vicenda. Quindi Zidane colpevole materazzi innocente? Se ooffendessero me o i miei parenti nella vita comune come su un campo di calcio reagirei eccome.

E Zidane lo ha fatto nella maniera più platelae non essendo un cattivo. Ovvero se la stessa cosa materazzi l' avesse detta ad un viera, makelele, gallas, l' azione successiva si sarenbbe ritrovato in terra colpito pesantemente. Questo perchè Zidane non possiede la cattiveria di un difensore o di un centrocampista.

Per tutte le teste che ha spaccato? Per tutti gli insulti che ha fatto? Se avessero offeso che so un totti e questi avesse reagito con una testata che avreste detto? Oh povero difensore della squadra avversria. Zidane è stato offeso. Ha reagito d' istinto e da uomo. Ed è stato cacciato dal campo. Forza Italia e forza Inter. Inoltre non capisco come noi Italiani dobbiamo sempre scusarci con tutti per tutto, ricordiamo le provacazioni del giocatore che agli Europei ha fatto si che Totti arrivasse a farsi espellere, perche' gli Italiani non hanno premiato Totti?

La questione è semplicissima: Del resto da quando in qua i transalpini sanno giocare al calcio? Quanti francesi ci sono nella nazionale francese? I francesi hanno vinto europeo e mondiale con una rappresentativa mondiale ovvero utilizzando gli stranieri. Mi spiace di uscire dal tema ma visto che nessuno affronta l'argomento Caro Beppe. Mazzocchi credo che si possa definire esempio offensivo e ignobile per la sua stupidità e grottesca farsa di cronist.

E poi basta con i commentatori ciechi e rincoglioniti; primo della fila Marco Civoli con il suo mini vocabolario fatto in casa 10 vocaboli da ripetere alla nausea. Nonostante sia coadiuvato da monitor e moviola, anche dopo la quarta volta che viene riproposto un qualsiasi episodio non riesce a rendersi conto di quello che accade in campo. E poi a casa definitivamente Ciccione Paraculato Galeazzi. Via anche la mummia urlante di novantesimo minuto, come si chiama quella racchia cadente che mostra le sue rughe flaccide sotto alle ascelle?

Via anche il quarto commentatore di turno a bordo campo; inutile e mangiasoldi. Basta con gli ignoranti che ci vuotano il portafogli. Frequento i campi di calcio da secoli. L'offesa alla mamma e al parentato tutto, sono all'ordine del giorno. Un calciatore, specie se di una certa esperienza come lo è certamente Zidane , sa che certe frasi non sono altro che esplosioni di rabbia e di imbecillità che mai hanno a che vedere con il reala sentire e pensare della persona che le pronuncia.

E' stata certamente una caduta di stile, rispondere con un'offesa ad una battuta salace. Mi permetto quindi di dire di avere capito senza alcun ombra di dubbio cosa è successo:. Che tradotto in termini subliminali significa: Non soffermatevi sulla parola "calcio" come se il problema non vi riguardasse. Sono dalla vostra parte e cerco di essere più coerente possibile e di proteggere il mondo da me stessa, ma il calcio fa parte di questo mondo che sta cambiando ed è una cartina di tornasole della società corrotta e vile dove gli sponsor fanno un giro di telefonate e Zidane passa da criminale ad eroe della patria nel giro di 24 ore su tutti i giornali francesi.

Questa "roba" fa parte della vita, e bisognerebbe scendere un attimo dal piedistallo di brave persone intellettuali per LEGGERE cosa succede in ogni piega del nostro mondo. Sponsor che giustificano guerre assurde perché certi stati "canaglia" sono provocatori e potenzialmente pericolosi. La discussione Z-M è solo un'altra scusa per capire dove sta andando l'umanità, è un orrendo cammeo in questa follia collettiva.

Non è il calcio che fa schifo, è il mondo. E se vogliamo cambiarlo, per cortesia, non diventiamo anche noi RAZZISTI sugli argomenti trattati facendo finta di non sapere chi sia Materazzi perché non guardiamo la tv ma leggiamo solo riviste auto gestite che parlano dei pericoli delle onde dei cellulari degli imprenditori milanesi in vacanza sulle lucertole della patagonia.

Questa è discriminazione e puzza sotto il naso. O forse volete essere dichiarati VOI santi subito? È il commento più intelligente di tutti. È assolutamente quel che penso anch'io. Ho provato a "difendere" und po' i tedeschi, perchè vivo in Germania e ho passato un bellissimo tempo durante il mondiale. È stata una festa fantastica con tutta questa gente arrivata da tutto il mondo che si sentiva bene!!

E questa gente qui, oddio NON tutti, ma purtroppo la maggior parte, non capisce niente!! Ma anche l'ostilità nei confronti dei francesi, arabi o chiunque altro Ma non vi sembra una bambinata? Bravo Zizu, solo che ora dimostri di essere un bambino che non sa perdere. Un mio amico medico mi ha risposto questo: Zidane pesa 85 kg, materazzi era rilassato POI direzione della testata perpendicolare allo sterno POI compressione gabbia toracicia.. Infatti lo sterno colpendo il cuore lo stimola a riprendersi Sono tra quelli che ritiene Zidane un campione che, probabilmente, nella trance agonistica e nell'esaurimento fisico ha commesso un grave errore.

Lo avevo fatto notare a mio fratello e avevamo commentato che il mitico Zidane avesse già avuto una caduta di stile.. Le provocazioni, soprattutto nel mondo dilettantistico, sono all'ordine del giorno e non mi risulta che ogni domenica vi sia un torello che si faccia giustizia da sé. Beppe meno male che hai modulato il tuo giudizio sulla nazionale italiana Una cosa è certa qualsiasi "movimento" viene proposto contro il calcio tipo quello di tifare contro per questioni legate al sistema è fallimentare.

La cosa che mi ha più infastidito è che sulla vicenda Zidane Materazzi si sono sprecati gli interventi di personaggi molto poco eminenti che hanno voluto esprimere i loro non richiesti pareri. Frastornati dal caldo e dai nonsense quotidiani non ci resta che chiedere che da adesso in poi subentri un salutare silenzio.

Finalmente qualcuno fà la giusta osservazione!! Mi sembra davvero ridicolo pensare alle bandiere sventolate contro il razzismo, contro la violenza, contro la guerra Meglio uno " sputacchio" che non guasta mai!!! Beppe, come proponi Materazzi santo?! Mi stupisco di te. Ma non eri tu a dire che il calico bisogna odiarlo? Naturalmente non come sport, ma per quello che è diventato ormai lo capisce anche chi si era tappato orecchie, occhi naso ecc. Non sto difendendo Zidane, sia chiaro, che non è nuovo ad azioni del genere.

Ma non mettiamo sull'altare Materazzi, per favore. Mi sembra ben più di una testata sul petto. Se Zidane merita 4 in pagella, Materazzi merita 2.

Guarda che Materazzi non ha mai mandato in coma nessuno. Devi avere le idee un po' confuse. E poi perche' ti ostini a difendere Zidane che non é nuovo, anzi è recidivo, a fatti del genere? La vergogna è che Zidane multimiliardario e testimone dell'Adidas venga difeso e purtroppo anche da certi Italiani vedi Cossiga e qualche esponente dell'estrema sinistra.

Forse ti documentassi prima di dire castronerie sarebbe meglio. Materazzi sotto il tunnel ha "pestato" Cirillo, ma non l'ha mandato in coma. Per favore se non ricordiamo i fatti meglio il silenzio. Insulti sui campi da calcio ce ne sono sempre stati, in ogni categoria, dai dilettanti ai professionisti.

Non vanno di certo giustificati, ma nemmeno eguagliati ad una testata in pieno sterno. Oggi, invece, tutti corrono a salvare Zidane e a lapidare Materazzi. Perché si ricordano le tristi gesta della carriera dell'interista, e non le precedenti testate del francese?

Perché nessuno manda in tv il "figlio di putt.. Cosa avrebbe dovuto fare quest'ultimo: Perché siamo i "soliti italiani" anche in un Mondiale in cui abbiamo sempre accettato in silenzio qualsiasi decisione arbitrale?

Ma soprattutto, perché sono gli stessi italiani ad autocrocofiggersi? Credo che sia giusta una severa autocritica nei confronti di alcuni stereotipi negativi che continuano ad appartenerci, ma tale presa di coscienza deve basarsi sull'obbiettività, sui fatti E' davvero paradossale tutto quello che sta accadendo: Blatter non ci premia perché deve consolare Zidane; la stampa tedesca si è divertita ad elencare i 50 motivi della loro superiorità culturale rispetto agli italiani; i media francesi ed inglesi hanno addirittura chiesto il ritiro della Coppa, e alcuni di noi sono qui a dar loro ragione La francia non esiste più.

Per quanto sia inscusabile il comportamento tenuto in campo dal giocatore francese la violenza è sempre una cosa deplorevole non mi sento di voler giustificare nemmeno il pluridefinito "povero Materazzi" Ora so che fare processi senza prove è sbagliato ma il nostro giocatore italiano non ha un passato davvero esemplare da falli molto cattivi su giocatori avversari a interventi che di sportivo hanno ben poco. IspirandosiAlleParole dell'italiano Berlusconi,ha detto: Vorrei esprimere il mio stupore nel colpevolizzare continuamente i calciatori italiani.

Ci ricordiamo gli ultimi europei in Portogallo? Come mai la UEFA non ha aperto un indagine anche in quel caso? Tutti a saltare addosso a Totti; certo, autore di un gesto riprovevole e diseducativo.

Ma cosa gli avrà detto Poulsen per ricevere uno sputo? Basta, lasciamo in pace Materazzi!!! Ora , non voglio dire che sia giusto corretto o tantomeno "sportivo" insultare o provocare un avversario!

Materazzi non ha fatto altro che quello che chiunque altro italiano avrebbe risposto a chi in una finale dei mondiali ti dice: A parte le battute ti volevo solo ricordare che non puoi dire che in una partita di qualsiasi sport, tu parli, in campo i giocatori tra di loro non si offendano e non offendano le proprie famiglie,arbitro compreso.

Che poi questo non sia giusto è altro discorso, ma penso che sia impossibile arrivare ad avere una partita senza insulti. Ultima cosa il gesto di Zidane non è da punire solo calcisticamente parlando, ma va punito in quanto fallo di reazione e rischioso per l'incolumintà fisica dell'avversario. Zidane,Materazzi e Moggi sono su una spiaggia in Arabia Saudita a bersi una cassa di alcool di contrabbando, quando all'improvviso arriva la polizia e li arresta. Il solo possedere alcool in Arabia Saudita è un crimine grave quindi, per l'ancor più terribile crimine del consumo di alcool, vengono condannati a morte.

Tramite gli intrallazzi di Moggi e con l'aiuto di avvocati molto in gamba riescono a tramutare la sentenza di morte in prigione a vita. Fortuna vuole che il giorno in cui il processo finisce, in Arabia Saudita è festa nazionale e lo Sceicco essendo di buon umore decide che questi possono essere liberati e puniti consolo 20 frustate a testa. Mentre si preparano per la punizione, lo sceicco dice: Poi tocca a Zidane che, vista la scena, dice: E' ora il turno di Materazzi ma prima che questi possa dire qualcosa, lo sceicco dice: A azione di contrasto di Materazzi a Zidane con strattoni e trattenuta della maglietta di quest'ultimo;B Zidane a Materazzi: C Materazzi a Zidane: Dalla a tua sorella, che sarà in grado di lavarla per bene nel suo sito naturale profondo e largo, per avere, nel tempo ospitato vari avventori di ogni estrazione sociale, perche persona generosa!

D ha ripetuto tale frase articolata tre volte per essere solo sicuro che egli l'avessa capita bene! E Zidane non ha capito e gli ha inferto la famosa testata. Qui se primo provocatore c'è stato, questo è proprio Zidane con la sua arroganza, in un momento di estremo stress della partita, quindi va punito 2 volte.

Comunque ad una reazione verbale del Materazzi è seguita una reazione fisica grave da parte di Zidane, non nuovo, peraltro, a tali cose! Grande Italia hai vinto contro tutti, Grande Materazzi hai fatto vedere chi è il vero campione, Grande il Mister che ha saputo creare un gruppo di ragazzi con la voglia di giocare. Nessuno ha pensato ai tre figli di Materazzi in tribuna?

Voglio dire, è venuto un colpo a me nel vederlo cadere a terra dopo quella tremenda testata, mi chiedo cosa abbiano provato i bambini.

Comunque ormai è una moda giustificare le aggressioni con la scusa che l'aggredito non è uno stinco di santo.

Ci vuole davvero poco a passare dalle testate ai bombardamenti. Ma io mi chiedo: Ma perchè i nostri Dipendenti Sono sempre pronti a criticare? Mi riferisco a Cossiga.. Il secondo ministro della giustizia Chiede l'amnistia per i truffatori del calcio N. E il Nano dal doppio tacco che fa??? Sono io che penso male! Tornando alla domanda iniziale i Dipendenti criticano perchè sono troppo più avanti siamo gli stupidi incapaci di comprendeli!!

Buona notte vado a stdiare!! Scusa ma non credo che il punto della questione sia Ma ti pare che per una partita si debba tirare in ballo l' orgoglio nazionale, la smania di potere E credi che Chirac si senta di rodere per una partita? Io credo che non gliene freghi più di tanto. E Comunque, l' orgoglio nazionale non si costruisce certo su una partita di calcio vinta con buona dose di fortuna, tra l' altro , l' orgoglio nazionale nasce laddove si vive in un paese libero, democratico, che garantisca a tutti diritti e dove nessuno manchi al suo dovere Il fatto che francesi e tedeschi siano insopportabili e non perdono mai l'occasione per denigrare gli invidiatissimi italiani è più simpatici, più belli, ma soprattutto più capaci nel gioco del calcio non giustifica il tuo attacco ai "sinistroidi" come li chiami tu Il tuo berlusca, non solo ha messo in ginocchio e in ridicolo agli occhi del buon senso non di francia e germania tutta la nazione raddoppiando il suo patrimonio anche sulle tue tasche che oggi, uniti, acclamiamo campione del mondo, ma addirittura se ne è sbattutto altamente del nostro grande successo Al nano interessa solo una cosa: Se qualcuno pensava che la vittoria dei mondiali potesse unirci è meglio si ricreda velocemente!

Ovviamente,come al solito,buona parte di responsabilita'vuole attribuita ai soliti giornalisti. Infatti titoli come-"Italia Francia continua in F1"-mi fanno proprio ridere! Vuol proprio dire cercar di seminar zizzania di proposito,per nn parlare di come han preso in giro i francesi fino ad ora!

Dei giornalisti seri nn dovrebbero permettersi e nn conta dire i francesi nn si farebbero scrupoli! Oggi se ne esce Valentino a mettersi la maglia di Marerazzi giusto per rovinare tutto dopo una gara da incorniciare! E pensare che sarebbe bastato estrarre un cartellino rosso in piu' per fare giustizia altro che Santo subito! In 10 vs 10 hai voglia a rantolare in campo a cercare i calci di rigore!!! Mi dispiace molto per il gesto di ZIZU', personalmente m'è crollato un MITO,con questo non voglio interferire sulle vicende dei mondiali o dire che Materazzi è un santo ma ci corre molto fra un'offesa verbale e 1gesto del genere,gesto che poteva avere conseguenze drammatiche!

Come mi sia venuto in mente di fidanzarmi con un ragazzo egiziano non berbero, c'è una bella differenza è presto detto La situazione personale e sentimentale è un'altra storia. Distinta testa di cazzo di g f Scusa, ma chi te l'ha fatto fare di fidanzarti con uno di quelli? Vuoi finire chiusa in casa con otto figli, lo chador e a macinare il grano per fare il couscous? Non c'è niente da fare, le coppie miste euro-beduine non funzionano!!! Indossa la maglia del suo amico Marco Materazzi. Cara Alessandra, lo sai che il blog da te suggerito attacca i virus?

Se non lo sapevi, ora sei informata. Se invece ne eri al corrente, ti lascio commentare te stessa da sola. Ora ho 4 anni di tempo per tirarmela di fronte al mondo. Siamo Italiani, nel bene e nel male. Quando un fottuto tedesco viene in Italia, e mangia in italia, e guida una Ferrari macchina italiana per sei anni, impara l'inglese!

E' ha un sapore buonissimo. E' buonissima e ce la invidia tutto il mondo. Potrei andare avanti all'infinito. Le differenze socio-culturali sono moltissime. Anzi, direi che come giochino potremmo inventarne sempre di nuove aggiungendole alla lista.

Abbiamo altri 4 anni per fare quello in cui noi italiani siamo davvero e senza ombra di dubbio gli indiscussi Campioni del Mondo: Mi pareva strano che il caro Lascala non trovasse un modo per parlare dei "sinistroidi" anche sul caso Materazzi-Zidane!!! Sei paranoico Pietro, e sopratutto monotono, non sai parlare d'altro e tutti i discorsi portano alla stessa conclusione.

Venendo al fatto, l'assurda posizione che i media non solo francesi hanno preso sull'episodio ci dice purtroppo quanto siano prevenuti contro noi italiani che, per inciso, si possono fieramente sentire tali da sinistra e da destra, caro Pietro. Siamo un popolo con mille contraddizioni, molti pregi offuscati spesso da brutti e numerosi difetti ; ma almeno sappiamo fare autocritica e starcene al nostro posto quando necessita. Purtroppo questa attitudine non viene considerata spesso una virtù, in un mondo dove sempre di più essere arroganti ed ingiusti significa "mostrare le palle".

Quando invece c'è chi apre un blog e lo utilizza per dire sempre la sua, senza la minima paura di niente e nessuno. Basta parlare di questo ca In sordina, "mutu tu , e mutu, iu" gli analfabeti civici, che compongono l' Assemblea Regionale Siciliana, hanno approvato all'unanimità l'ennesimo aumento stipendiale: Pagheremo, quindi, 11 mila euro al mese in più.

Aumenti anche per i Portaborse: Con voto unanime, non una sola voce che uscisse dal coro, hanno passato sopra a: I siciliani, catanesi compresi, voteranno meglio. Scrive il quotidiano locale: Dunque, non solo erigono un vero e proprio muro di gomma a protezione dei segreti del Palazzo, ma per di più aumentano le indennità senza comunicarlo con atti ufficiali alla pubblica opinione".

Invece per tutte le altre cazzate che hai scritto sull'orgoglio di essere Italiani, rivolgiti a quei deficenti di Leghisti TUOI alleati. Per noi problemi di bandiere e di inni non ce ne sono mai stati. Anzi, per noi l'Italia è una unica ed indivisibile. Ho lasciato 2 giorni fa un messaggio sul sito di Zidane, ovviamente i suoi non hanno avuto il coraggio di inserirlo nel "post" del sito. La questione è decisamente più profonda, nella vita si dovrebbe saper perdere e magari una vero campione dovrebbe insegnarmelo anche venendo fuori da quel tunnel scusandosi pubblicamente con il nostro Materazzi e ritirando la medaglia da capitano della squadra ma è una mancanza di stile Diciamoglielo tutti sul suo sito alla fine lo capirà tanto conosce l'italiano ih ih!

Succede solo con noi italiani!!! Inoltre vorrei sapere se esiste qualche persona che ha giocato a calcio e che nn si sia mai sentito dire che la sorella o la madre era un put Le provocazioni nascono con l'antagonismo fin dalla notte dei tempi.

Quando si è in competizione due cose contano oltre al talento: Non dimentichiamo il grande Cassius Clay che durante gli incontri e le conferenze pre-gara di boxe nn faceva altro che insultare e pressare psicologicamente l'avversario per indurlo a "cedere". Un grande campione si vede anche dalla capacità di mantenere i nervi saldi, la concentrazione, nel evitare di fare il gioco dell'avversario..

Lo sputo di Totti è stata un'onta per l'Italia malgiudicata da tutti giustamente!!! E ora si critica Materazzi chiamandolo indisponente e scostumato? E poi chi ha cominciato dei due Ad ogni modo, cari invidiosi, fatemi il piacere!!!!!!

Zidane e tutta la Francia e loro sostenitori Frastornati dal caldo e dai nonsense quotidiani chiediamo che da adesso in poi subentri un salubre silenzio. Credo che la realtà dell'ambiente calcistico sia nota a tutti o quasi a tutti.

Più di un anno fa giocavo anch'io a calcio e, nonostante facessimo parte di una categoria tra le più infime, venivo invogliato dall'allenatore e dai compagni più "esperti" a cadere in area, a fingere e simulare, a non dare confidenza a "quei bastardi degli avversari" e anzi invogliarli a commettere fallo Materazzi invoglia, Zidane non perde l'occasione per "testare" la sua forza , e tante altre belle cose. Ora, ammettendo che questa situazione si possa tranquillamente estendere a tutto l'ambiente calcistico, mi risulta difficile pensare che il nostro caro Materazzi possa non averci messo del suo in quanto è successo.

Daltronde Materazzi ha fatto soltanto quello che fanno tutti gli altri giocatori di calcio ogniqualvolta disputano una partita, in italia, in francia, in inghilterra e in tutti gli altri paesi dov'è conosciuto questo "nobile" sport. Calcetti vari sulle caviglie da parte dei difensori, pugnetti sulla schiena, tirate di maglie Ora, tutto questo giustificare Zidane non lo trovo affatto giusto.

Zidane vi ha fatto perdere il Campionato del Mondo. Una reazione come quella ha creato degli effetti volte peggiori della causa cioè della provocazione: Ora questo gesto potrà essere imitato e imitato e imitato Ricordo che nel quando Francesco Totti ha sputato a Povlsen è stato massacrato da tutti, ma proprio tutti.

Nessuno ha parlato di parolacce o insulti o di tutti i falli che quel danese stupido ha fatto dal primo minuto. In Italia si dice "usare due pesi e due misure": E la mamma di Zidane farebbe bene, invece di chiedere le palle di Materazzi, ad assicurarsi che sua figlia torni a casa presto la sera Zidane e tutti i francesi.

Ma quali sono i francesi, quelli come Zidane, i negri della nazionale o gli altri? W Materazzi, che insieme agli altri è il nostro campione mondiale. È chi disprezza questi ragazzi che deve essere messo alla gogna, anche e sopratutto se è italiano. Carissimo pietro lascala,premesso che sei di destra,sai quali sono i cardini della tua parte politica?

Voi che avete il sogno nel cuore di bruciare il nostro tricolore!!?? Non lo ricordi questo episodio,vero?? Prova a vederla da un altro lato: Zidane non ha scusanti, se è stato insultato poteva semplicemente rispondere allo stesso modo. E per la mamma di Zidane nessuna squalifica? Almeno due turni da scontare al mercato del pesce di Marsiglia Materazzi nn è affatto nuovo ad insulti perpetrati ai danni degli avversari.

Di nuovo c'è solo l'obiettivo,prima erano schiettamente fine a se stessi,ora miravano ai nervi di Zizou per indurlo alla reazione. Calcisticamente una Francia priva di Zidane sarebbe stata "decapitata". Avete tutti scambiato forse il calcio e lo sport per un'altra fottuta guerra? Se proprio nn ce la facevano piu'potevano giocarsela,avrebbero perso forse,ma nello sport ci sta'anche di perdere eecchecaxxo!!!

Non crediate che i fischi che piovevano da tutte le parti fossero solo dei francesi,nn bevetevi anche questa! Caro Marco, anche se "a tavolino" ti do ragione, nella fattispecie ci sono dei risvolti da anlizzare: COmunque, caro Marco, battersi affinchè ci sia un po' più di sportività, e assolutamente condivisibile, ma non perdiamo d'occhio i fatti nel loro insieme. Probabilmente non solo la mamma o la sorella di Zidane, ma anche sua moglie visto che il marito interpreta benissimo il ruolo del caprone suscettibile a partire di testa.

E lo sanno tutti: Grazie e buona domenica a tutti. Spesso presi di mira e derisi dai finti saggi e sgridati dagli adulti ignoranti , molti di noi possono tendere a.

Tutti i comportamenti alla fine possono essere definiti patologici, compreso quello del moralizzatore a tutti i. Aggiungo che sarebbe auspicabile una maggior attenzione di chi ascolta, quando le amiche del dipartimento.

Ti garantisco che nell'evenienza concreta esternazioni sui mondiali di calcio ,. Il rammarico per la cavia sfuggita alla ricerca è grande, ma sono sicuro che il dipartimento, guardando meglio e più.

Mi scuso per l'errore di battitura nell'affrettata trascrizione del nome dello studioso francese. Anch'io, purtroppo, ho un tic non tourettiano, anche se non so da dove mi venga: In parte scherzo, sai, pero' il problema mi sembra e' che io mi sono sempre disinteressato del calcio, ma il calcio non si disinteressa di me e mi viene continuamente addosso anche quando cerco di scansarlo!!!

Ti saluto con vera amicizia e senza ironia. Mi permetto di segnalare questo link. Penso che sia una lodevole iniziativa per difenderci da tutto il fango che ci è stato gettato addosso,prima, durante e dopo il mondiale. Non siamo visti molto bene in certi paesi e dobbiamo vedere dove é colpa nostra per cercare di correggerci ma mai abbassare la testa se abbiamo ragione. Materazzi e' stato cresciuto dalle suore Che colpa ne ha lui se la mamma del francese e' una Zo..

Un gruppo di amiche del dipartimento in cui lavoro fa ricerca sulla cosiddetta sindrome di Gilles de la Touraitte scusate se era un francese , un disturbo neurologico non proprio secondario e leggero che ha tra i sintomi piu' evidenti la tendenza compulsiva alla coprolalia, insomma all'uso di parolacce, soprattutto a sfondo sessuale e scatologico quest'ultima parola fa riferimento a quello che i francesi chiamano "merde".

Sono sicuro che saranno felici quando segnalero' loro i post sul caso dei mondiali da cui trarranno ampio materiale di studio e riflessione. Noto la prevalenza di coprolalie che: Italians don't do that! Insistono sulla mancanza del bidet in terra transalpina. Fanno riferimento a tendenze sessuali anormali o presunte tali , nuovamente attribuibili solo ai discendenti di quei barbari che portavano l'elmo con le corna, menzionandole con i nomi che vengono usati dalle plebi dialettofone del nostro paese.

Fanno analogo riferimento ad attivita' sessuali intense e abituali di madri, sorelle, mogli e figli. Istituiscono confronti interetnici relativi a lunghezze, larghezze, circonferenze, durezze e simili di parti del corpo che di solito vengono usate come fonti di piacere e non come argomento di conversazione.

Se non ricordo male un certo Sigmund Freud mi dispiace: Grazie per il contributo al progresso della ricerca. In molti post leggo che e' del tutto normale nel gioco del calcio fin dalla piu' tenera eta' ricorrere a insulti, male parole, allusioni ad attivita' extracurricolari di madri, sorelle, figlie e mogli e che anzi gli allenatori incoraggiano a questa strategia di riscaldamento dell'atmosfera agonistica.

Bene, me ne compiaccio: Anche a me non piace il calcio e il suo mondo ma di certo non manderei mio figlio in un club di golf. Col suo intervento mi fa venire in mente una vignetta in cui a bordo campo c'è il padre di un attaccante che ha appena fatto gol: E poi, basta con questa tendenza a psicoanalizzare sempre tutto e tutto tenere sotto controllo,archiviare abitudini e azioni col nome di qualche sindrome.

Non è scienza ma ideologia. Va bè ragazzi la chiudo qui. Posso tirare solo due conclusioni.. Nel calcio i calciatori si insultano e vengono insultati anche dai tifosi a qualsiasi livello.. Ora capisco perchè al centro estivo i bimbi quando giochiamo a pallone finiscono per insultarsi e farsi del male mentre quando li facciamo giocare a rugby no.. Beh, caro amico, non posso che quotare quanto ho letto. E' tutto pienamente vero: Forza rugby, lealtà, rispetto e grinta.

Dal labiale di Marco sembra che dica: Zidane è un grande campione ma, come più volte dimostrato in passato non sa mantenere i nervi saldi sai quante parolacce riceve Del Piero ad ogni partita!! Hai ragione ma bisogna tenere conto che i francesi sono incredibilmente patriottici anke fino allo sfinimento di conseguenza non accettano di essere dalla parte del torto e alzano un polverone mostruoso solo x confondere le idee e far passare il povero Marco dalla parte del torto.

Zidane non si è smentito e soprattutto ha scelto un bel modo per concludere in bellezza la sua carriera. Forza azzurri e forza materazzi! Mi par di capire che non solo in Italia il calcio è malato, ma che tutto il mondo del calcio necessità di figure nuove, responsabili innovative e non uomini che pensano al potere e ai soldi.

Mi chiedo, come spiegheranno gli allenatori e dirigenti del settore giovanile di tutto il mondo ai loro bambini che non devono reagire con testate calci pugni e quant'altro alle provocazioni degli avversari? Se non la si smette di giustificare tutto questo, come potremmo dire a chi provocato che non deve usare la forza militare? Basta alla strumentalizzione di questo caso per salvare l'onore, caro zizou certo avresti fatto meglio a chiarirti con materazzi e non in mondovisione giustificando un atto violento.

Beh, sentite, non capisco nulla di calcio e le uniche partite che ho visto sono la finale dall'82 e quella di quest'anno magari poi si scopre che porto fortuna all'Italia!!! Tuttavia sono un intenditore di comportamento civile e di differenze tra civiltà e presunte tali. Ebbene, lungi da me l'apparire razzista, ma il caro Zizou mi pare che provenga da un angolo di mondo dove i conti in sospeso vengono fatti pagare con la violenza e non parlo della Francia: Insomma, buon sangue non mente e cattivo sangue neanche Materazzi ha provocato Zidane, e conoscendolo gli avrà fatto chissà quali complimenti Che Zidane abbia sbagliato non ci piove, ma io metto Materazzi sullo stesso piano Zidane.

La sua testata è un gesto grave e sbagliato, ma altrettanto grave è l'atteggiamento di Materazzi, che è da sempre una testa calda, un sistematico provocatore Io che sono interista lo so bene, ricordo ancora l'episodio con Cirillo, ma ti potrei citare anche fatti meno eclatanti ma pur sempre significativi. Pertanto, invece di infierire su quel gesto sbagliato, avrei voluto vedere più autocritica per Materazzi e una mano tesa per Zidane, fermo restando le sue colpe.

Vincere è bello e lecito, infierire è disgustoso: Ho giocato molti anni a calcio Insulti e provocazioni ne riceviamo tutti ogni giorno Pensa se per ogni provocazione dovessimo reagire tutti con violenza!!

Chi è senza peccato scagli la prima pietra!! Pensa solo che se Marco era 20 kili in meno,con un colpo del genere ora invece di festeggiare un campione del mondo eravamo tutti a piangerlo Ma che dolce tenera bella mamma che sei Avrei voluto anch'io una madre come te. Bisogna avere qualcuno da odiare nella vita Pure io sono in disaccordo con Beppe. A quel punto la Francia era "decapitata" calcisticamente. Zidane ha chiesto pubblicamente scusa ai bambini per la violenza del gesto,Materazzi di scuse ne ha fatte ben poche,anzi,negherebbe con la beatitudine degna di un santo.

Quasi pari a quel "chi.. Sono anch'io una mamma e disapprovo gli insulti rivolti alle memme, alle sorelle, alle mogli, alle zie. Credo e sono convinta che se Materazzi ha insultato o offeso le donne della famiglia di Zidane, prima di lui chissà quanti altri lo hanno fatto, forse non proprio all'indirizzo di Zidane Quante volte in campo si sentono parolacce e offese Sicuramente si dovrebbe cercare di controllare meglio la lingua, rimane cmq il fatto che quello che ha detto Materazzi rimane dubbio Sono sicura che la cosa è stata molto ingigantita dal fatto che il provocatore si chiamava Marco MAterazzi Diciamo che forse la reazione di Zidane è dovuta soprattutto al fatto che la Francia era in difficoltà.

porno allemande escort girl à dijon